Milano

La rivolta al carcere di San Vittore e i centri sociali

Milano. Da questa mattina è in corso una rivolta nel carcere di San Vittore. E’ sostenuta all’esterno dai centri sociali X32bank che li istigano all’evasione.

Pubblicità

In una Milano completamente ovattata, in cui si sente tutta la difficoltà creata dalla zona rossa si sentono solo le urla di risposta dei detenuti e la musica araba e rumena che parte dal gazebo dei centri sociali. Uno striscione inneggia alla rivolta.

Pubblicità

la scala Rho b&b

carcere,san vittore. La rivolta al carcere di San Vittore e i centri sociali - 09/03/2020

Dall’interno del carcere rispondono ai cori. Sono già rientrati nelle celle dopo che questa mattina i detenuti avevano incendiato il salone. Dalla finestra del terzo piano del carcere di San Vittore si vede un detenuto che con uno specchio tenta di lanciare segnali in codice morse, ma non è molto aiutato dalla mancanza di sole. La situazione è sotto controllo.

Pubblicità

la scala Rho b&b

carcere,san vittore. La rivolta al carcere di San Vittore e i centri sociali - 09/03/2020
Il gruppo dei centri sociali

Siete morti? Ma vattilo a pià in …

Dal gazebo con megafoni per tutto il pomeriggio suonavano musica araba, rumena e rap nordafricano in lingua francese. Ogni tanto dai megafoni qualche donna chiamava il figlio. Diceva a Nicu che era lì con lui. C’è stata anche una piccola nota di colore. Ad un certo momento intorno alle 16.40 i detenuti in rivolta hanno smesso di rispondere ai richiami che arrivavano dalla strada. Dal gazebo attraverso il megafono una voce italianissima gridava “Jonathan, Nicu diteci come state?” lo ha ripetuto più volte. “Come state?”. Poi ha aggiunto “Siete morti?”

A parte la stupidità della domanda cui era ovvia l’impossibilità della risposta affermativa, nel tono della voce si era sentito un accento speranzoso. Lo devono aver recepitto anche dall’interno del carcere perché dopo un attimo impalpabile e imbarazzato silenzio è partita la risposta. Non era molto distinta ma giurerei di aver sentito un ” Ma vattelo a Piá in der c… “. Non si sa chi abbia lanciato l’appello, se una delle guardie carcerarie o un detenuto scaramantico.

Pubblicità

In due hanno preso troppo metadone

carcere,san vittore. La rivolta al carcere di San Vittore e i centri sociali - 09/03/2020

L’incidente era dovuto al fatto che nel corso dei disordini verificatisi all’interno del carcere di San Vittore due detenuti sono stati soccorsi perchè probabilmente assunto avevano preso del metadone in eccesso. Poco dopo le 17.30 è arrivata anche un’automedica con a bordo personale medico con le mascherine chirurgiche.

Il motivo della protesta: il coronavirus

carcere,san vittore. La rivolta al carcere di San Vittore e i centri sociali - 09/03/2020

Questa mattina agli avvocati e alle famiglie e probabilmente ai detenuti stessi, è arrivata la comunicazione della sospensione completa dei colloqui con i detenuti. L’accesso al carcere è stato vietato ma anche chi usciva dal carcere per lavorare o per progetti particolari non potrà più farlo, a causa della emergenza sanitaria del coronavirus. Ancora una volta la comunicazione fredda, improvvida e uguale per tutti i casi ha procurato più danni che benefici.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.