Il Comune di Marcallo risarcito da una dipendente

Chi sbaglia paga al Comune di Marcallo. Spesso siamo soliti sentire nelle cronache di dipendenti pubblici che svolgono il loro lavoro in maniera non proprio ortodossa e che, nonostatnte siano colti sul fatto, continuano a svolgere il proprio lavoro come se nulla fosse. Tutto o quasi, quindi, cade nell’oblio. Non qui a Marcallo però.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

impara a cambiare

Sbaglia chi lavora, si dice. Certo è che quando si sbaglia si deve rimediare all’errore. Questo è successo e la vicenda risale al luglio del 2014, quando la fascia tricolore era indossata dal sindaco Massimo Olivares. Protagonista una dipendente comunale.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Non vogliamo volutamente entrare nei dettagli per scelta, ma sta di fatto che la donna non ha svolto il proprio lavoro in maniera consona, stando a quanto deciso dai giudici. Ad indagare la Guardia di Finanza di Magenta e poi c’è la somma di denaro che la dipendente doveva dare al Comune come risarcimento. Questa la vicenda nel dettaglio.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

A seguito di verifiche d’ufficio venne presentata segnalazione al Procuratore della Repubblica da parte del sindaco Massimo Olivares, del Segretario Generale Dott.sa Annecchiarico e del responsabile Area Affari generali e servizi alla Persona per i fatti riportati riguardanti la dipendente. A seguito poi di controlli effettuati da parte della GdF di Magenta, vennero acquisiti i documenti richiesti per il proseguimento dell’indagine.

Il Tribunale ordinario di Milano fissò dell’udienza preliminare per il 22 febbraio del 2016. Il Comune di Marcallo con Casone si costituì infatti parte civile in tale giudizio in qualità di parte offesa.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

La decisione della dipendente è motivata nella delibera di Giunta comunale n°86 pubblicata sull’Albo pretorio: “S. O. comunica l’intenzione di risarcire completamente il Comune di Marcallo con Casone versando tutti gli importi previsti dalla sentenza di primo grado, a fronte della rinuncia da parte del Comune di costituirsi parte civile per i successivi gradi di giudizio”. Il Comune di Marcallo, ora guidato dal sindaco Marina Roma, ha deciso di accettare. Si chiude così la vicenda con il risarcimento dei danni al Comune e quindi ai cittadini di Marcallo con Casone.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE
Cristina Garavaglia

Cristina Garavaglia

Giornalista

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.