Uncategorized

Le graffette del furto in abitazione

Estate tempo di vacanza e di lavoro straordinario per i ladri. L’ultima trovata è quella delle graffette invisibili.

Pubblicità

Si tratta di una sorta di graffette in materiale plastico trasparente che vengono posizionate nell’apertura delle porte di ingresso alle abitazioni. Case che per esempio danno sulla strada, condomini dove non è difficile penetrare nell’androne o nei pianerottoli.

Pubblicità

Vengono posizionate e il ladro ritorna dopo un giorno o due a controllare se sono state rotte tramite l’apertura delle porte. Se restano lì dove messe in origine, significa che i proprietari sono fuori casa e per i malviventi la via è libera al colpo.

Pubblicità

la scala Rho b&b

A segnalarle, un comitato di sorveglianza del territorio nel milanese.

Furti a raffica

Uno studio della UEcoop (Unione Europea Cooperative) e che è stato riportato anche da “Quotidiano.net”, parla di 15 furti al giorno ogni 1000 abitanti. Colpito soprattutto il Nord Italia con fascia oraria più critica dalle 8 alle 21 (e non negli orari notturni o serali come verrebbe da pensare).

Pubblicità

A Cerello di Corbetta se ne sono registrati due nella medesima villetta a distanza di 10 giorni; a Corbetta qualche giorno fa i ladri si sono portati via da un cantiere di via Rossi addirittura un mini escavatore; qualche settimana fa nel quartiere Nord di Magenta e a Castellazzo de Stampi di Corbetta i topi l’appartamento hanno tagliato i fili dei cancelli elettrici per poi tornare sul luogo “di lavoro” qualche giorno dopo e tentare il furto di mezzi nei garage.

Ora anche questa novità delle graffette.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Cristina Garavaglia

Giornalista

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.