Arluno

Sassi dal cavalcavia. Un nuovo caso

Arluno. Ieri sera intorno alle 18.15 all’altezza del sottopasso di via Mazzini, un’automobile è stata colpita da un sasso lanciato da qualche parte.
La pietra ha colpito il vetro anteriore e il tettuccio. Non ha prodotto un incidente solo per la prontezza di riflessi dell’autista che, comunque, procedeva a bassa velocità. Si cercano dei testimoni.

Pubblicità

“Transitavo nel sottopasso in Via Mazzini che dal centro va verso Vittuone, appena arrivata sotto mi hanno lanciato un sasso sulla macchina da sopra colpendo il cristallo e parte del tettuccio macchina,” ha scritto la vittima su Facebook. Dopo aver presentato una denuncia contro ignoti, si stanno infatti cercando testimoni che possano aver visto qualcosa a quell’ora. Il sasso potrebbe essere stato lanciato dal parcheggio della palestra, che ha una ringhiera da cui è possibile raggiungere il sottopasso, oppure dalla pista ciclabile.

Pubblicità

Molte le vittime del lancio di sassi dai cavalcavia. Un caso a Vittuone, nel 2012

Oltre alle responsabilità dei danni provocati all’auto in questo caso, è necessario aiutare a indicare chi compie questi atti per fermarlo. Questa volta è andata bene e, a parte lo spavento, non ci sono stati feriti. Altre volte però le cose non sono andate così. I sassi lanciati in fatti simili hanno ucciso innocenti che si trovavano a passare sotto ponti, cavalcavia e sottopassi, e provocato gravi incidenti. Nel marzo 2012 a Vittuone si era avuto un caso simile, in cui il colpevole fu arrestato. Aveva colpito e ferito, anche gravemente, diverse persone che transitavano nei pressi del Centro commerciale il Destriero. Ne potete leggere la storia a questo link. Vittuone: arrestato il lanciatore di sassi

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.