Prima PaginaMilano

Areu. Paolo Galimberti è clinicamente morto. Donerà i suoi organi

Milano. Ieri Paolo Galimberti, 58 anni, il dirigente dell’agenzia Regionale Emergenza Urgenza (Areu), investito venerdì da un’auto in via Melchiorre Gioia, è stato dichiarato clinicamente morto. Nel video l’intervento di Galimberti ad un convegno sui 5G.

Annunci

L’incidente è avvenuto poco prima delle 13 di venerdì 5 luglio, mentre Paolo Galimberti stava attraversando un pericoloso incrocio di via Gioia. Un impatto violento, durante il quale ha riportato ferite gravissime alla testa. Le sue condizioni hanno lasciato da subito poche speranze.

Annunci

Soccorso e portato all’ospedale di Niguarda, in codice rosso, da quelle stesse ambulanze che rispondono ad Areu, con cui collaborava come dirigente al coordinamento clinico della sala operativa. Galimberti era un medico anestesista specializzato in rianimazione. Ieri lo hanno dichiarato clinicamente morto ed è iniziato il periodo di osservazione che si concluderà oggi. Galimberti era un donatore di organi. Lascia la moglie ed una figlia.

Annunci

La solidarietà di Regione Lombardia ai familiari di Paolo Galimberti

Il presidente di regione Lombardia Attilio Fontana, l’assessore al Welfare Giulio Gallera e il direttore Generale di Areu Alberto Zoli, hanno sin da subito espresso solidarietà ai familiara di Paolo Galimberti. “L’incidente avvenuto oggi ci lascia sgomenti e addolorati. A nome di Regione Lombardia, ci stringiamo in un grande abbraccio ai suoi cari” hanno scritto, in un comunicato, poche ore dopo l’incidente.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.