MilanoMilano città metropolitanaporta Genova

Clochard morto a Milano, vittima del freddo

Ieri il primo clochard morto per il freddo a Milano. Una volta erano persone che vivevano all’addiaccio per scelta. Oggi no.

Pubblicità

Tanti sono clandestini che vivono di spaccio e di furti bivaccano fra i rifugi del comune e le stazioni ferroviarie e della metropolitana. Altri sono persone povere, che si sono trovate all’improvviso senza nulla e senza assistenza. Questi non vanno nei rifugi perchè sono monopolizzati dai clandestini extraconunitari, spesso prepotenti e violenti e che rubano le poche cose che hanno. Preferiscono le sale d’aspetto di stazioni e ospedali, nonostante  il freddo intenso aumenti di giorno in giorno.

Pubblicità

Fra loro ci sono italiani e stranieri e capita che muoiano, non per le liti ma per il freddo. La prima vittima di questo inverno, verosimilmente del freddo, è stata un uomo algerino di 52 anni che è stato trovato ieri notte in fin di vita all’interno della sala d’attesa della stazione ferroviaria di Porta Genova a Milano. Un altro clochard ha chiamato i soccorsi quando si è accorto che il vicino, nel suo giaciglio di fortuna, non dava segni di vita.

Pubblicità

Giunti sul posto i soccoritori lo hanno trovato ancora in vita e lo hanno portato in codice rosso all’ospedale San Paolo, nella cui sala di aspetto è stato però constatato il decesso. Non è stato possibile rianimarlo.

In settimana il comune di Milano aveva diramato un annuncio con l’indicazione di un numero di telefono. I posti letto al caldo vuoti e destinati ai clochard sono ancora molti, dicono dal Comune, ma a quanto pare i clochard preferiscono correre il rischio di morire di freddo piuttosto di andarci.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.