Chi la dura la vince. Ritrovati 2 orologi d’epoca rubati nel 2009

Sono stati ritrovati dai carabinieri del nucleo operativo di Porta Magenta due orologi che facevano parte del bottino di un furto da 4 milioni di euro compiuto nel 2009 ai danni di una famiglia del centro di Milano.

Pubblicità

Gioielli di valore e una collezione di 40 orologi Rolex d’epoca. I colpevoli sono  stati identificati quasi subito. Si trattava della badante moldava e di un suo connazionale, ambedue nati nel 1980, che sono però riusciti a far perdere le  tracce. Fino al 2015, quando i carabinieri, durante i controlli di routine sugli oggetti in vendita all’asta, hanno riconosciuto uno degli orologi fra gli oggetti proposti da Follows, una casa d’aste di Birghingam, in Inghilterra. Si trattava di un orologio degli orologiai svizzeri Jaeger-LeCoultre.

Pubblicità

Culture digitali

Il tenente Sammaria della compagnia dei carabinieri di porta Magenta ci ha raccontato i particolari dell’operazione, complicata anche dalle richieste burocratiche internazionali per fermare l’asta e per eseguire il sequestro, avvenuto solo dopo che il proprietario si è recato a Birghingam per il riconoscimento visuale.

L’orologio era stato posto in vendita, insieme ad un altro orologio proveniente dalla collezione, dagli stessi autori del furto. Forse pensavano che dopo 6 anni nessuno li cercasse ancora. Chissà se sono ancora in possesso anche degli altri orologi e dei gioielli. Per il momento non si sa. I due moldavi sono ancora in fuga. Gli orologi sono stati sequestrati, per essere poi restitituiti al legittimo proprietario, lo scorso 21 novembre.

Pubblicità
Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui