Atm. Oggi sciopero contro la privatizzazione

Oggi il Sindacato dei dipendenti di Atm, Cub, sta scioperando, mettendo a rischio la frequenza delle corse della metropolitana e dei mezzi pubblici. Stanno contestando all’azienda e al Comune di Milano la decisione di privatizzare l’azienda di trasporti pubblici milanese.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

La fascia oraria di sciopero del personale viaggiante e di servizio è dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio. Secondo l’amministrazione del Comune di Milano la messa a bando di gara del servizio di trasporti cittadino è un obbligo di legge. Secondo i sindacati invece non lo è. Attualmente l’azienda ha l’esclusiva del servizio e riceve fondi pubblici sia dal comune di Milano sia dalla Regione Lombardia. Anche un comitato di cittadini sta raccogliendo le firme contro la privatizzazione di Atm.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

La privatizzazione sarebbe una beffa

In Atm sono stati investiti moltissimi soldi pubblici e per la sua gestione e per tenere i prezzi del biglietto a livelli popolari sono utilizzati ogni anno milioni di euro di fondi pubblici. Il trasporto cittadino è un servizio pubblico da gestire in modo comodo, ottimale e sicuro ma non può non può avere utili, altrimenti il costo del biglietto sarebbe altissimo. La ricchezza di Atm è nella qualità, e nella copertura delle corse anche di fasce orarie di basso traffico. Dato che è necessario, è giusto spendervi soldi pubblici, ma se invece di mirare al pareggio di bilancio si mira a ricavarne un utile, cadrebbe il principio per cui si concedono finanziamenti pubblici. Inoltre, non esiste in Italia un’altra azienda che possieda mezzi e strutture tali da garantire il servizio di trasporto pubblico di una città come Milano, a parte la regione Lombardia stessa.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE
Ilaria Maria Preti

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.