Un bambino è stato abbandonato in metro a Milano. Salvato dalla guardia di finanza

Un bambino è stato abbandonato è stato abbandonato dalla madre questa mattina in metropolitana. E’ un maschietto di poco più di 3 mesi,. La donna, di origini senegalesi lo ha lasciato nella stazione della linea gialla della metropolitana di Repubblica poco dopo le 8.

Pubblicità

La donna che aveva appena appoggiato il seggiolino con il bambino su uno dei seggiolini tondi e poi si era alzata, prendendo il treno e lasciando lì il bambino. Forse un momento di grande distrazione, più che la decisione di abbandonarlo,  che poteva costare molto caro al piccolino.

Pubblicità

Il bambino è stato abbandonato, ma poi un maresciallo della Guardia di Finanza lo salva

Fortunatamente per il bambino abbandonato, fra la folla che gremisce la stazione a quell’ora del mattino c’era un maresciallo della guardia di finanza molto attento. Ha notato la donna che se ne andava lasciando il bambino. Ha chiamato immediatamente i soccorsi e si è avvicinato al bambino per assicurarsi delle sue condizioni di salute.

Sul posto si sono precipitati sia i carabinieri sia gli agenti della questura di milano, e l’equipaggio di un’ambulanza e di un’auto medica. Mentre si apprestavano a portare il bambino in ospedale è ricomparsa la madre. Era tornata indietro con un altro treno. Il bimbo è stato portato e ricoverato comunque alla clinica de Marchi.

Pubblicità

E’ stato rintracciato anche il padre del bambino. Un cittadino italiano di origini senegalesi. Tutta la vicenda, per i chiarimenti necessari, è stata segnalata a magistratura e ai servizi sociali.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui