Prima PaginaCronaca Lombardia

Burqa in regione Lombardia. Confermato il divieto

E’ già qualche anno che esiste il divieto di buuqa. Lo si trova entrando negli uffici di regione Lombardia, negli ospedali, e in altri uffici pubblici. Alcuni cartelli indicano il divieto di entrata con il viso coperto, altri fanno riferimento direttamente al burqa.

Pubblicità

Non è una novità e non si riferisce solo alle donne mussulmane che utilizzano burqa o il niquab. Riguarda anche i caschi da motociclista, i passamontagna, o anche delle semplici sciarpe avvolte intorno al viso. Si tratta di un divieto che fa parte delle prescrizioni inserite nella legge regionale sulla sicurezza, tramite una delibera che ha applicato l’art. 5 della legge 153/1975. La novità di oggi è la riposta al ricorso al Tar della Lombardia presentato da alcune associazioni che si occupano di diritti degli immigrati.

Pubblicità

Niente burqa. Sacrificio per garantire la sicurezza pubblica

Secondo Asgi, Naga, Apn e la Fondazione Piccini il divieto sarebbe stato discriminatorio nei confronti delle donne mussulmane. Il Tar ha dato loro torto. Non c’è discriminazione. Il divieto è considerato un sacrificio necessario per garantire la sicurezza pubblica.

Pubblicità

Scontente le associazioni ma soddisfatto il presidente roberto Maroni che ha commentato la notizia. “Il Tribunale di Milano ha dato ragione alla Regione Lombardia sul divieto di entrare con il volto coperto nei luoghi pubblici. E’ stato un nostro atto coraggioso, anche in quel caso molto criticato da una certa parte politica, ma i fatti confermano che abbiamo ragione noi. Questa è la strada”.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.