OssonaPrima Pagina

Rissa del sabato sera in via 24 maggio

Ossona – Nella notte fra sabato 16 e domenica 17 aprile una rissa ha scosso la già non facile vita degli abitanti di via 24 maggio. Protagonisti i soliti noti di cui si è più volte parlato e che si sono resi protagonisti  di vicende simili.

Pubblicità

la scala Rho b&b

carabinieri rissa ossonaNella notte fra sabato 16 e domenica 17 aprile la via 24 maggio è stata svegliata dalle urla provenienti dal condominio all’angolo con la via San Francesco. Era in corso una zuffa con lancio di bottiglie di vetro. Il risultato finale è stata la rottura del portone di ingresso dello stabile e lo spargimento di vetri rotti per l’area circostanti, soprattutto il vialetto di entrata. I carabinieri, chiamati da uno dei due contendenti sono intervenuti, ma vista la situazione se ne sono andati sconsolati.
I racconti dei numerosi testimoni della piazzata, passanti e gente che abita nei dintorni, ci informano che la donna, già conosciuta per vari fatti simili accaduti in paese negli ultimi tre anni, stava violentemente picchiando il compagno, che era visibilmente ubriaco.
Sarebbe proprio stato l’uomo a chiamare i carabinieri. Testimoni alla scena anche due bambini in età da scuola materna.

Pubblicità

Già in altre occasione l’intervento delle forze dell’ordine era stato inutile perchè la presenza dei bambini non permette l’arresto o l’accompagnamento in questura degli adulti, perchè i piccoli rimarrebbero soli e non possono essere affidati ai servizi sociali perchè le liti avvengono sempre in orari in cui le assistenti sociali sono fuori servizio. Quando la mole di denunce che ha colpito la coppia di via 24 maggio ( che è talmente conosciuta da potersi permettere di non nominarla con il loro nome) comincerà a produrre i suoi effetti, con processi e arresti, l’intervento, si spera, sarà durante gli orari di ufficio e i bambini entreranno a carico del Comune in cui hanno la residenza. La gente del circondario subisce le angherie della coppia e dei loro amici da molto tempo. Si tratta sempre delle persone on cui risiedeva la colpevole dello scippo avvenuto al parco di via Aldo Moro ai danni di una signora anziana che si recava al centro anziani e che, colta in fragrante, era stata arrestata. Ne avevamo parlato in una serie di articoli di cui  Altra aggressione con scippo a Ossona. Arrestate le responsabili, ma…  e Un anno di botte e insulti: le testimonianze sugli zingari a Ossona.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.