Economia e lavoroPrima Pagina

Matteo Renzi e il Pd aumentano il pedaggio dell’autostrada

Altomilanese – ll governo di Matteo Renzi e il PD hanno scelto di aumentare del 6.5% il pedaggio dell’ autostrada Milano Torino, che è sempre stata una valida e veloce alternativa alla Statale via Novara e del Sempione, per raggiungere Milano e i posteggi della metropolitana. Con il primo gennaio 2016 è diventata troppo cara per i pendolari.

Pubblicità

Matteo Renzi e i pedaggi autostradaLa viabilità dell’Altomilanese di poggia su tre direttrici importanti. La Strada statale Padana superiore, o Via Novara che, passando attraverso molti comuni, collega Milano con Magenta e Novara, la statale del Sempione che, passando per Rho, Arese, Bollate, Parabiago e Legnano, collega Milano con la provincia di Varese. In mezzo fra queste due trafficatissime statali c’è l’autostrada Milano Torino che ha sul nostro territorio due caselli: quello di Arluno e quello di Marcallo con Casone- Boffalora e permette un veloce collegamento con l’autostrada dei laghi che porta a Legnano e Varese.
Da quando esiste la Boffalora – Malpensa il casello di Marcallo con Casone sulla Milano Torino è anche il naturale veloce proseguimento del collegamento fra l’aeroporto di Malpensa, Milano, la zona della fiera di Rho e di Expo e il parcheggio del capolinea della metropolitana Molino Dorino. Per molti pendolari l’autostrada era una valida alternativa al traffico che invade ogni mattina le statali del Sempione e della Via Novara. Dall’anno scorso, quando sono iniziati gli aumenti ingiustificati del pedaggio delle autostrade, il pedaggio per percorre il tratto fra i due caselli e la barriera della Ghisolfa è troppo caro, tanto da consumare il beneficio della velocità e non poter più essere considerato un’alternativa valida. Dal primo gennaio 2016 il pedaggio della Milano Torino è ancora considerevolmente aumentato.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Di chi è la colpa? Lo dice, senza mezzi termini, il presidente di regione Lombardia Roberto Maroni: “A tutti quelli che protestano giustamente contro l’aumento del pedaggio, consiglio caldamente di rivolgersi al Governo di Matteo Renzi e al suo partito (il PD), che un mese fa hanno bocciato il nostro emendamento che rendeva gratuite le tangenziali e la Pedemontana”. La lega Nord aveva presentato, infatti, un emendamento alla legge di stabilità (il bilancio di previsione dello stato italiano) che imponeva la gratuità per le tangenziali e per la pedemontana. Tra le tangenziali di Milano si poteva far rientrare, senza troppe difficoltà, anche i due caselli di Arluno e Marcallo con Casone e il tratto fra Milano e Legnano dell’autostrada dei laghi. Non è stato neppure possibile parlare della questione perché, prima in consiglio dei ministri con Matteo Renzi e poi in parlamento il Partito Democratico, hanno bocciato l’emendamento, imponendo l’aumento dei pedaggi e anche quello del costo fisso dei telepass.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.