Codacons contro Renzi: gli 80 euro? Han fatto flop

Brutto colpo per il governo Renzi all’antivigilia della manifestazione della Lega Nord a Roma. La voglia di mandare  Renzi a casa sembra aver contagiato molti; anche il Codacons che, proprio oggi, ha diramato una nota con cui commenta i dati Istat sui consumi del 2014.  Secondo la Codacons il bonus da 80 euro al mese introdotto in busta paga è stato un flop. Vendite e consumi sono ulteriormente diminuiti e il bonus non è servito  a incrementare la spesa. “I soldi sono serviti per pagare debiti mutui e bollette ” ha dichiarato alle agenzie di stampa Carlo Rienzi, presidente dell’associazione.

Pubblicità

Non era difficile da prevedere che quegli 80 euro sarebbero stati una furbata senza basi solide. La promessa degli 80 euro in busta paga ha convinto molta gente a votare PD, con poco impegno. A parte che il numero di persone che ha realmente riscosso quella cifra era molto più esiguo del numero di persone che aveva creduto di averne diritto, chi lo ha poi ricevuto davvero ha anche scoperto che quegli 80 euro in più hanno fatto lievitare lo scaglione delle tasse e hanno pagato 120 euro in più di tasse.

Pubblicità

Sabato 28 molta gente andrà a Roma a chiedere conto a Matteo Renzi delle promesse mancate, dei disastri legislativi e anche delle furbate come quella degli 80 euro, ma ci andrà anche in previsione alle prossime e oramai vicinissime elezioni politiche, oltre che di quelle regionali. Renzi continua a sostenere che continuerà a governare fino al 2018, l’anno della scadenza naturale, ma sono in parecchi a non credergli e a pensare che il 2015 sarà l’ultimo anno del suo governo.

D’altra parte se associazioni come Condacons si espongono dichiarando platealmente l’evidenza del flop degli 80 euro, a breve potrebbe innescarsi una reazione a catena che rischia di mettere in seria difficoltà il capo del governo italiano. Tutte le verità gridate, come quella del flop degli 80 euro, potrebbero far cadere il suo bel castello di sabbia.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui