OssonaMilano città metropolitana

Mancano solo i cartelli. Ossona al BIT. Si, come meta di turismo sessuale?

Chi ha l’occhio allenato e percorre le strade provinciali dei comuni dell’altomilanese avrà visto fiorire negli ultimi tempi una serie di cartelli di divieto piuttosto espliciti. Si parte dal cartello di divieto che mostra un uomo in macchina che si sporge dal finestrino e parlamenta con una professionista,  attraversato da un linea diagonale rossa, che recita “divieto di sostare a mercanteggiare con le prostitute”, e si arriva al classico e discreto divieto di sosta per pedoni.

Pubblicità

In alcuni Comuni hanno persino messo dei cartelli di una chiarezza lampante “Attenti , prostitute”, come si trattasse di quelle strade di montagna in cui c’è sempre il pericolo improvviso che un daino, o un cerbiatto, salti fuori dal bosco e attraversi la strada.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

E a Ossona?

All’entrata del paese, tra capannoni Bertola, il cimitero e la chiesa di San Cristoforo, stazionano dalle 2 alle 3 professioniste che fanno i turni, fornendo i loro servizi per molte ore della giornata e della notte. L’amministrazione comunale si è dimenticata di inserire la loro posizione nella cartina turistica distribuita in questi giorni insieme al volantino del Sindaco, che ci informa che Ossona parteciperà al BIT Borsa Internazionale del Turismo.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Perchè siete perplessi? Può anche funzionare. Tra le professioniste con studio a Codalà e le professioniste con sedia a codachì, Ossona può ambire a diventare una famosa meta del turismo sessuale. D’altra parte il soprannome c’è già. Bisogna solo scriverlo sui cartelli di viale Europa, all’entrata del paese: “Ossona, figa bona”.

Le ordinanze e le multe

Dalle parti di Cusago la questione è ben più importante: il cartello oltre a vietare di fermarsi con le prostitute indica il costo, non della prestazione, ma della multa che, in forza di un’ordinanza sindacale, viene comminata a chi è pescato sul fatto: da 500 a 3mila euro.

Pubblicità

Ogni Comune che si è attrezzato con questo tipo di ordinanza sindacale, che non è altro documento amministrativo legale che fa riferimento all’ordine pubblico, ha visto diminuire drasticamente il numero di prostitute presenti sul suo territorio senza grande fatica. Difatti, anche se prostituirsi non è reato, lo è lo sfruttamento e il pagamento. Prendersi una multa da 3mila euro per essersi fermato con una prostituta non piace a nessuno per cui le prestazioni delle professioniste calano drasticamente, nei Comuni in cui questa ordinanza esiste ed è adeguatamente pubblicizzata con dei cartelli.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.