PoliticaPrima Pagina

Lombardia, primissima tappa verso l’indipendenza: si al referendum

“L’obiettivo finale resta l’ indipendenza, ma quello di oggi è un primo importante passo per permettere ai cittadini lombardi di esprimersi sul loro futuro” questo è quanto ha detto il Vicepresidente del Consiglio regionale Fabrizio Cecchetti, appartenente alla Lega Nord, commentando l’approvazione in commissione Affari Istituzionali  avvenuta il 4 febbraio 2015, della proposta di referendum consultivo per chiedere maggiori autonomie e risorse per la Regione Lombardia, in base all’articolo 116 della Costituzione.

Pubblicità

Lombardia, primissima tappa verso l'indipendenza: si al referendum (foto di Fabrizio Cecchetti)In aula regionale 17 febbraio

Il documento con la proposta arriverà nell’Aula del Consiglio il prossimo 17 febbraio. “Con questo strumento”, ha continuato a spiegare Fabrizio Cecchetti, “daremo la parola direttamente ai cittadini e avremo l’occasione storica di spiegare perché l’autonomia della Lombardia è necessaria per tornare a dar loro fiducia e speranza nel futuro.
La situazione oggi è grave: negli ultimi 5 anni in Lombardia hanno chiuso più di 16mila aziende, la disoccupazione è triplicata e da Roma non arrivano aiuti, ma solo tasse, tagli e burocrazia. L’autonomia” ha dichiarato infine, “serve proprio per trattenere sul territorio maggiori risorse e dare finalmente risposte concrete a cittadini e imprese, in primis abbassando le tasse e facendo ripartire il lavoro.”
Un passo importante, quindi, che in regione Lombardia si è fatto nella direzione del proposito di arrivare, entro il mandato, a trattenere sul territorio il 75% delle tasse dei lombardi. La grande soddisfazione è la partecipazione al progetto anche di chi non è pienamente convinto delle idee, dei progetti e dell’obiettivo primario della Lega Nord che resta, come scrive Fabrizio Cecchetti, quello dell’indipendenza.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.