PoliticaPrima Pagina

Se hai il Municipio in alto non paghi l’imu sui terreni agricoli

Se hai il Municipio in alto non paghi l'imu sui terreni agricoliAnche se detta in questo modo può lasciare perplessi, la proposta, approvata dal Consiglio della Regione Lombardia e ideata  dalla consigliera regionale Donatella Martinazzoli, della Lega Nord, ha delle motivazioni solide. La mozione presentata impggna la giunta ad attivarsi nei confronti del ministero dell’economia per cercare di ottenere la sospensione e i criteri di esenzione dall’imu su terreni agricoli  in tutti i Comuni che hanno la sede municipale al di sopra dei 281 metri sul livello del mare. Detto in altro modo, si tratta di fare si che  chi coltiva terreni collinari o montani, che hanno delle rese di qualità ma meno abbondanti rispetto ai terreni di pianura,  abbia delle facilitazioni per evitare che decida di abbandonare la montagna per trasferirsi in città o in pianura. Di fatto quindi,  si tratta di un provvedimento che va incontro a chi decide di rimanere a vivere in montagna e n collina e di dedicarsi alla cura dei boschi, alle coltivazioni e anche alla cura dell’ambiente.

Pubblicità

Pubblicità

Si fa riferimento, per questo tipo di esenzione dall’imu sui terreni agricoli, al punto in cui si trova la sede municipale perchè vi sono comuni con grandi estensioni di terreni di cui solo una parte si trova in montagna, e se l’esenzione fa riferimenti al livello di altitudine medio di ogni comune, metodo che in un primo momento potrebbe sembrare logico, in realtà non si aiuta per nulla gli agricoltori, che abbandonerebbero comunque troppi Comuni e troppi terreni. Invece, facendo riferimento alla Sede municipale, che nelle zone collinari e montane, si trova spesso nel centro del paese, che a sua volta si trova solitamente a mezza costa della montagna, si ha la certezza ceh la gente tenda a mantenere la residenza in quel comune continuando quindi a lavorare la terra che si trova magari pochi metri più a valle. Inoltre se si usa questo sistema invece di calcolare l’imu su ogni singolo terreno, a seconda della sua altitudine, si evita di creare differenze fa contadini all’interno dello stesso comune i residenza.

Pubblicità

Una buona idea quindi anche se a prima vista originale che  Donatella Martinazzoli, commenta in questo modo.“Il governo Renzi ha dimostrato scarsa attenzione ai problemi e alla specificità delle aree montane nel momento in cui ha emanato il Decreto Legge 66/2014, che limita le esenzioni IMU per i terreni agricoli.” scrive il consigliere regionale in una nota di presentazione alla stampa della mozione. “I nuovi criteri vanno a configurare un quadro normativo che può senza dubbio definirsi incerto e discriminatorio per l’agricoltura delle aree collinari e montane.” La Martinazzoli fa poi notare che inizialmente alcuni proprietari erano stati esentati dal pagamento dell’imu ma dopo l’emanazione del decreto legge si ritroveranno a dover pagare entro il 16 dicembre l’acconto di giugno più il saldo. “Regione Lombardia negli ultimi anni ha messo in atto politiche attive per migliorare l’attrattività delle zone montane” aggiunge.”Non vorremmo che gli sforzi compiuti a livello regionale, anche attraverso i programmi di cooperazione territoriale e quello di sviluppo rurale, fossero messi a rischio dall’ atteggiamento penalizzante del governo centrale.”

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.