Nerviano, a fuoco l’autobus della Movibus

Queste mattina i giovani studenti del licei di Parabiago sono entrati in classe in ritardo  e hanno dato, come giustificazione del ritardo, il fatto che fosse andato a fuoco l’autobus. Gli insegnanti hanno dovuto accettare e la giustificazione perchè era vero, per quanto possa sembrare assurda.

Pubblicità

Sutobus della Movibus a fuoco a NervianoDifatti un autobus della Movibus, intorno alle 8 di oggi, giovedì 16 ottobre mentre di trovava a Nerviano ha preso fuoco. L’autobus che proveniva da Lainate ed era carico di studenti che si recavano a scuola, quando si è trovato all’altezza del parcheggio dell’Auchan, ha preso fuoco. Le fiamme hanno iniziato a uscire dalla parte posteriore dell’autobus, dal motore e dal tubo di scappamento.
I passeggeri sono stati fatti scendere immediatamente e si sono messi a distanza di sicurezza, all’interno del parcheggio, in attesa che arrivassero i pompieri e l’autobus sostitutivo. Nessuno è rimasto ferito.
Si tratta del secondo incidente del genere che colpisce gli autobus dell’altomilanese negli ultimi giorni.
Lo scorso 14 ottobre un altro autobus ha causato un incendio piuttosto impressionante a Corbetta, sulla via Novara, all’altezza della Piscina Ondaverde. Anche in quel caso è stato provvidenziale l’intervento dei Vigli del fuoco di Magenta e di Inveruno e l’intervento dei carabinieri di Corbetta, che hanno immediatamente bloccato la rotonda vicino alla piscina Onda Verde.

Pubblicità

In ambedue i casi, l’incendio del motore dell’autobus ha creato molta confusione , il rallentamento del traffico e un certo pericolo. Fortunatamente i due casi sono avvenuti in posizioni in cui era possibile intervenire agevolmente e non in un di quei punti in cui gli autobus passano in mezzo al centro dei paesi, lungo delle vie strette e densamente abitate. Una delle studentesse che erano sull’autobus G. Cavinato  ha girato ancheun video che è stato pubblicato dall’edizione rhodese di Milano today. (foto: screenshot video da milano today)

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui