Magenta, aggressione in pieno giorno e in pieno centro

Magenta, aggressione in pieno giorno e in pieno centroRaccontano che a Magenta alla sera, dopo le 21, nella zona della Stazione non si può passare perchè ci bivaccano una serie di personaggi poco raccomandabili, che fanno un po’ paura e che una donna sola, che scende dal treno per tornare a casa dopo il lavoro,  è costretta ad attraversare il piazzale e la strada quasi di corsa, stando nel gruppo dei pendolari ed evitando assolutamente di rimanere isolata. A dir la verità, nonostante si sappia che la zona è mal frequentata e che l’atmosfera non è certamente quella della stazione di una cittadina svizzera, non si è ancora avuta notizie certe di aggressioni. Ieri pomeriggio, tra mezzogiorno e le 13, in pieno giorno, sono dovuti intervenire i carabinieri per sedare una furiosa lite fra i personaggi che bivaccano da quelle parti, a pochi passi dal centro di Magenta.

Pubblicità

La motivazione dell’aggressione è attualmente sconosciuta, ma c’è chi dice che si è trattato di un fatto di donne. Fatto sta che insieme ai carabinieri è dovuto intervenire un’ambulanza dei volontari di Abbiategrasso per soccorrere, medicare e trasportare in ospedale il pakistano aggredito, un uomo di 38 anni, che aveva avuto la peggio. In ospedale è arrivato, per sua fortuna, con il codice verde.
I magentini sono piuttosto preoccupati dalla possibilità che questo tipo di episodi diventino una routine tale da non fare più nemmeno notizia. L’aggressione è infatti avvenuta in via Cadorna, non molto lontano dal liceo Manzoni, in un momento in cui gli studenti possono uscire  da scuola, e l’iea che dei ragazzi possano trovarsi ad essere testimoni di un pestaggio non può certamente far piacere ai genitori.

Pubblicità

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui