MagentaOssonaPrima Pagina

Magenta e la pista ciclabile: Invernizzi pinocchio alla Renzi

Il sindaco Marco Invernizzi di Magenta aveva promesso a maggio 2013 che a breve avrebbe eliminato i tornelli che si trovano sulla pista ciclabile di via Espinasse e che impediscono il passaggio delle biciclette.

Pubblicità

Magenta e le piste ciclabili: Invernizzi pinocchio alla RenziLa promessa del sindaco era avvenuta davanti alla telecamera di Capitan Ventosa e di Striscia la Notizia e quindi le sue parole sono in Internet e accessibili a tutti. Siamo tornati dopo un anno a vedere che fin avevano fatto i tornelli, nello stesso punto dell’ intervista a Marco Invernizzi, e abbiamo scoperto che i tornelli sono ancora là, come sono là i panettoni sulla pista ciclabile  della rotonda sulla statale 11, al confine con Marcallo con Casone.
Sulla parte della pista ciclabile che ha i tornelli più complicati, invece di esserci il cartello che segnala la pista ciclabile o la pista mista, c’è un cartello di pista pedonale. Sulla pista pedonale, però, possono passare solo certi tipi di pedoni: alla pista pedonale non posso accedere le mamme con le carrozzine e passeggini, non possono accedere i diversamente abili con le sedie a rotelle, non possono accedere le persone che camminano con le stampelle o gli anziani accompagnati da qualcuno che li aiuta a camminare.

Pubblicità

Possono accedere solo i pedoni in forma e che si trovano all’interno di certi canoni estetici. Ad esempio le persone che sono sopra i 90 chili hanno davvero grandi difficoltà a superare i tornelli che rappresentano una vera e propria barriera architettonica e una limitazione al movimento in sicurezza per moltissime persone. Tutte le persone più deboli e in difficoltà hanno una sola alternativa alla pista pedonale con tornelli: quella di camminare sulla carreggiata riservata alle automobili.
L’installazione dei tornelli era stata fatta durante l’amministrazione del Gobbo ma il sindaco Invernizzi, che oramai governa da qualche anno, aveva promesso di risolvere il problema e non  lo ha ancora fatto.

Pubblicità

capitan ventosa video youtubeAl giorno d’oggi i sindaci dovrebbero fare attenzione a non farsi contagiare dalla malattia dell’annuncite, propagata da Matteo Renzi e che pare sia arrivata anche al sindaco di Magenta perchè, come diceva Collodi, le bugie hanno le gambe corte e il naso lungo, ed è facile che i cittadini richiamino gli amministratori pubblici all’ordine, specialmente da quando esiste Youtube.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.