Rc moto, auto, autocarri: continuano i rincari

Assicurazione, ma quanto mi costi? Se lo saranno chiesto oltre un milione di italiani, alla luce dei nuovi aumenti sulle polizze rc auto, che variano di regione in regione. I costi crescono incessantemente da una ventina d’anni a questa parte. I dati parlano chiaro, la stessa assicurazione che nel 1994 costava l’equivalente di 400 euro, oggi può arrivare a sfiorare i mille e quattrocento.
assicurazioni-auto-truffa-21Un rincaro che supera abbondantemente il 200%, almeno secondo i dati raccolti dalla Federconsumatori.it. Non è un caso che di recente sia cresciuto il numero di contrassegni fasulli.
Attualmente, per una famiglia con un reddito medio-basso, i costi dell’assicurazione sono diventati un vero e proprio salasso, che grava pesantemente sull’intera economia della stessa.
Il paradosso più eclatante riguarda gli aumenti relativi alle classe di merito più elevate. Come se mantenere una buona condotta automobilistica fosse quasi un colpa.
Infatti, secondo le stime rilevate lo scorso Settembre, nella capitale si è raggiunto un tasso di aumento pari all’11%, seguita da Milano con il 7% e da Bologna con il 2%. In tutta l’area settentrionale dello stivale la sola Torino è riuscita a mantenere la linea relativa al semestre precedente, abbassando addirittura i costi del 1.8%. Al sud, e in particolare a Palermo, grazie alle nuove norme introdotte dal Decreto Sviluppo, le classi più alte possono godere di uno sconto sulla tariffa superiore al 10%.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Parametri opposti invece per quanto riguarda neo-patentati e donne con profilo di rischio intermedio. Da nord a sud le differenze sono enormi, basti pensare che nel meridione le tariffe sono calate mediamente del 10%, a fronte di rincari record per le stesse categorie come a Firenze, che si distingue col suo + 12.2%.
Ma non solo, perché se si considerano gli automobilisti che nell’ultimo anno sono stati responsabili di un sinistro, gli aumenti sono piuttosto generalizzati, con picchi vicini al 5% in Toscana contro il 2.25% del Molise. Bisogna comunque notare che il numero di incidenti è in netto calo rispetto agli anni passati, in quanto apparentemente gli italiani cosiddetti ‘virtuosi’ sono in aumento.

Pubblicità

Una cosa è certa, se si vuole risparmiare sulle assicurazioni è necessario trovare un alternativa alle compagnie tradizionali, poiché tra un rincaro e uno sconto i costi rimangono comunque elevati. Una valida soluzione potrebbe essere l’apertura degli utenti al mercato assicurativo online, che consente di risparmiare una percentuale consistente sull’intero importo previsto dalla polizza.
Le compagnie online riescono ad ammortizzare in modo efficace i costi gestionali della compagnia, offrendo un servizio di prima fascia e un’assistenza immediata grazie alle nuove tecnologie a disposizione. Fortunatamente un numero sempre maggiore di italiani sta optando per una polizza online, che garantisce un risparmio consistente, arrivando in alcuni casi al 30% in meno rispetto ad un’agenzia tradizionale. Un esempio di fonte online per il risparmio delle spese assicurative dei grandi veicoli come autocarri, rimorchi ecc.. è questo sito web.
Certo, bisogna prestare attenzione alle truffe e ai siti poco affidabili che promettono sconti incredibili. Tuttavia con la dovuta attenzione e cautela, affidarsi alle compagnie online diventa una scelta vincente, oltre ad essere una delle poche armi a disposizione utile a limitare i rincari sulle rc auto e moto.

Francesco Valente

Francesco Valente

Mi chiamo Francesco Valente e sono un writer freelance e content manager per svariati siti e blog. Da sempre appassionato di relazioni pubbliche, new media, comunicazione pubblicitaria e strategie di marketing innovativo, scrivo di vari argomenti specializzandomi maggiormente in ambito finanziario-economico. Sono interessato a tutte le forme di risparmio e impegno sociale per il nostro pianeta che può essere applicato alla vita di tutti i giorni, come il risparmio ecologico e tutte le sue possibili strategie, puntando l'attenzione sulle innovazioni nell'ambito della sostenibilità ambientale che possano rendere la nostra vita meno invasiva e più consapevol.

Commenta qui