MagazineTurismo

Ossona: tesori del periodo longobardo abbandonati

Tra i tesori nascosti di Ossona vi sono le tracce lasciate da alcuni antichi abitanti del nostro comune, i Burgari. I Burgari erano uno dei popoli alleati ai longobardi e che con loro scesero dalle pianure della Pannonia, l’Ungheria, fino alle nostre terre nel 569 dopo Cristo, seguendo il re longobardo Alboino.

Pubblicità

Ossona: tesori longobardi abbandonatiDei Burgari parla Paolo Diacono, nel suo libro Historia Longobardorum.
I Longobardi affidarono ai Burgari le due linee di difesa sul Ticino e questi costruirono dei castelletti fortificati le cui tracce, ad esempio, sono molto ben riconoscibili nel tracciato e in alcune particolarità del centro di Ossona, nel cortile del Burgass.
Il Burgass ha anche nel toponimo il segno della sua origine. I tesori storici che però sono stati lasciati a Ossona in eredità da questi importanti antenati sono due sarcofaghi, forse tre, scavati nella pietra che si trovano in villa Litta, utilizzati in uno strano modo: uno infatti è stato trasformato in una fontana e si trova nel cortile della ex casa del Gin Russin, e l’altro è utilizzato come fioriera e di trova nel giardino di villa Litta.
Si tratta di sarcofagi di arte  del periodo longobardo: le tradizioni artigianali dei burgari erano un po’ diverse da quelle dei longobardi, e la scultura era dedicata più ai coperchi delle tombe, che erano comunque più grezze rispetto a quelle longobarde. Uno dei coperchio si trova in un cortile di Asmonte, rovesciato e usato come abbeveratoio per le galline.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Un sarcofago simile a quelli di Ossona è stato rinvenuto a San Lorenzo di Parabiago, riconosciuto e catalogato come una rara testimonianza del periodo storico longobardo, è noto al mondo come il sarcofago di Basiliana, a causa della iscrizione epigrafica che vi è apposta.
Sui sarcofagi di Ossona, invece, non è ancora stato possibile appurare se esistono delle iscrizioni. Son passati più di 1500 anni e le iscrizioni sulla pietra si consumano e possono essere riconosciute solo da esperti delle belle arti, che comunque non hanno mai esaminato i nostri sarcofaghi. Inoltre, i due sarcofagi sono stati esposti alle intemperie per molto tempo, e l’uso che se ne continua a fare non ha certamente aiutato la conservazione storica dei due tesori di Ossona.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.