Rca: diminuisce il costo medio della assicurazione auto

Sarebbe proprio il caso di iniziare questo post con la vecchia esclamazione con cui uscivano i giornali promossi agli inizi del 900 dagli strilloni: “Edizione straordinaria!”. Sì, servirebbero davvero diverse edizione straordinarie a celebrare l’ultimo dato emerso dall’ennesima indagine conoscitiva sul mondo dell’assicurazione auto in Italia.

Pubblicità

assicurazioni autoQuesta volta a portare avanti l’indagine è stato l’Osservatorio Auto dell’AIBA, un gruppo specializzato nell’analisi del mercato assicurativo italiano, ed innestato all’interno dell’Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni, il più grande ente che raccoglie i vari rivenditori di polizze sparsi lungo il territorio nazionale.
L’analisi ha in particolare considerato il costo medio di un premio per l’RC auto valutandone il suo andamento tra il 2012 ed il 2013.
Ebbene, stando proprio ai dati dell’AIBA sembrerebbe che per la prima volta dopo diversi decenni tale costo medio sia diminuito in maniera sostanziale; merito in larga parte delle polizze assicurative on line e della possibilità di confrontare sul web le migliori offerte del momento.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

In termini percentuali si parla di una flessione del 4.4%, ma volendolo guardare in soldoni è possibile dire che il costo medio di un rc auto in Italia tra il 2012 ed il 2013 è passato da 616 a 589 euro. Non sarà tantissimo ma è già qualcosa se si considera che fino a questo momento il trend del costo di un rca era sempre stato in salita.
Bisogna inoltre considerare che anche a fronte di questa mitigazione dei costi le assicurazioni auto italiane rimangono ancora le più costose in Europa. A livello macroscopico questa diminuzione dei costi si è anche tramutata in minori ricavi da parte delle compagnie assicurative la cui raccolta totale nel 2013 è arrivata a 16.5 miliardi euro, del 5.9% inferiore rispetto a quella del 2012.
Il rapporto AIBA oltre a fornire i macrodati su base nazionale, ha anche provato a capire quali sono le aree dove si sono riscontrate le maggiori contrazioni di prezzo. Anche qui le sorprese non sono mancate visto che le città maggiormente premiate dai nuovi sconti sono quelle del sud, lì dove, notoriamente, il costo delle rc auto è stato sempre mediamente più alto. È accaduto così che ad esempio, a Bari, il costo del rc auto sia calato del 12.1 % tra il 2012 ed il 2013, mentre invece a Palermo questo calo è stato del 11.3%. buone notizie anche per gli assicurati napoletani, i più tartassati di Italia con l’Rca il cui costo è diminuito in un anno del 11.1.%.

Commenta qui