Ossona, chi vincerà il concorso del presepe più bello?

Se entrate nella chiesa Parrocchiale di Ossona, fino al prossimo 6 gennaio 2014, sulla vostra destra, nella piccola sagrestia laterale, potrete ammirare la mostra dei presepi che è stata organizzata dalla Parrocchia.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

I presepi sono stati preparati dai giovani, dai bambini e da alcuni gruppi attivi in paese come i passionari, sono davvero belli e meritano di essere visti, ammirati e giudicati anche per la loro originalità nel presentare la scena della Natività di Gesù. Ad esempio c’è il presepe fatto con le matite colorate. No, non disegnato, proprio costruito con delle coloratissime matite che danno un’atmosfera molto allegra alla scena. Vi è anche un presepe fatto con vari tipi di pasta di grano duro che dimostra una fantasia ammirevole nella scelta dei vari formati. Golosissimo è il presepe fatto di biscotti, pop corn e salatini.

Pubblicità

Culture digitali

Più tradizionale è il piccolo presepe fatto di sassolini, legnetti, muschio e paglia incollati che fanno da sfondo alle statuine e molto ecologico quello costruito con i tappi delle bottiglie di plastica riciclate.  Fra i presepi esposti, ce ne sono alcuni che vengono da lontane parti del mondo e alcuni fra i più piccoli mai visti.

Legata alla mostra dei presepi c’è anche un concorso.  Sia su dei fogli distribuiti all’entrata della Chiesa si possono votare i propri preferiti, ma si è pensato anche a chi teme di non riuscire ad andare a vedere i presepi direttamente in Chiesa. Infatti, sul sito internet della Parrocchia di Ossona è possibile ammirare le fotografie  dei presepi, ripresi anche nei particolari più significativi, e votare per il proprio preferito.
Quando la mostra sui presepi sarà conclusa, il vincitore dei presepe che è piaciuto più degli altri avrà solo la gloria e la certezza di essersi impegnato a costruire qualcosa di bello. (Fonte e foto: www.parrocchiaossona.it)

Pubblicità

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui