Ad Allegra negano la Festa della mamma

La lettera di babbo Natale da parte di Allegra

Allegra non ha potuto telefonare a casa per la Festa della mamma. Dopo due anni in comunità senza nessun motivo e in cui le hanno imposto di non sentire i suoi genitori senza chiedere, gli educatori della comunità del comune dove la tengono si sono “ dimenticati” di dirle che poteva chiamare la mamma per farle gli auguri.

Annunci sponsorizzati

Di Allegra abbiamo parlato molte volte. Lei come un buon numero di bambini sono trattenuti nelle comunità da un sistema, quello dell’assistenza sociale, che li utilizza per mantenere, con le rette dei comuni, le strutture stesse. Dai servizi sociali, quando i genitori si sono lamentati della telefonata mancata, sono arrivate 3 scuse diverse, una di seguito all’altra, man mano che la precedente veniva smontata.

Annunci sponsorizzati

L’assistente sociale Caprioli di Voghera ha prima comunicato al padre di Allegra che la referente si era dimenticata della festa della mamma. Le è stato fatto notare che la referente è lei. Allora la scusa è cambiata e la colpa della mancata telefonata della festa della mamma è stata data alla comunità, che nè ha combinate un po’ di tutti i colori, come vi ho raccontato in questi mesi. Infine la colpa è diventata di Allegra, povera bambina, che non avrebbe chiesto agli educatori di poter chiamare la madre. Ora Allegra avrà un bel senso di colpa perchè, per essere ubbidiente, non ha chiesto, urlato e pianto e magari graffiato o morso la mano di un educatore, perchè la lasciassero telefonare e fare gli auguri della festa della mamma.

Gli assistenti sociali non lavorano di domenica. La festa della mamma la festeggiano con i loro figli

Il reale motivo della chiamata telefonata della bambina lo sappiamo tutti. E’ inconfessabile da parte degli assistenti sociali perchè altrimenti confesserebbero la loro inadeguatezza a occuparsi seriamente dell’assistenza sociale. La festa dalla mamma cade di domenica e la domenica è festa. Assistenti sociali, educatori e altri operatori smettono di lavorare al venerdì alle 17.30. In questo periodo sono anche meno presenti del solito perché siamo in emergenza Covid 19. Gli educatori presenti nella comunità sono a servizio ridotto perché è domenica e devono visitare i congiunti, e siamo in emergenza sanitaria.

Annunci sponsorizzati

Culture digitali

Nelle strutture dovrebbero esserci per legge 6 educatori ogni 10 bambini ricoverati, ma non ci sono mai. Le strutture avrebbero dovuto chiudere per l’emergenza sanitaria, perchè assimilante ai servizi per l’infanzia, ma c’è chi ha usato l’emergenza sanitaria Covid 19 per evitare persino di dimettere bambini di cui il giudice aveva decretato la dimissione immediata.

Milioni di euro di soldi pubblici dei comuni spesi per tener lontani i bambini dai loro genitori senza valide ragioni

Potrei fare una valutazione ad occhio senza temere di sbagliare. Ogni 10 bambini italiani ricoverati nelle comunità residenziali e protette con rette pagate dai Comuni, 9 potrebbero benissimo essere assistiti a casa dei genitori a meno della metà dei costi. Il dubbio è naturale. Fanno apposta per continuare a incassare le rette pagate dai comuni. C’è qualcuno del “sistema” che può negarlo e che riesce a dare una spiegazione logica di quanto succede? Sono mesi che attendo un tentativo di difesa, ma la risposta è la stessa nella maggioranza dei casi:” segreto professionale”

Annunci sponsorizzati

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4355 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.