Sali da bagno e la psicosi del cannibale: un terrificante stupefacente può distruggere la vita

A Lucignolo su Italia 1 parlano di stupefacenti sintetici e della droga del cannibale, i famigerati sali da bagno
La psicosi del cannibale i Sali da bagno: un terrificante stupefacente può distruggere la vitaDopo gli Stati Uniti sta sbarcando anche in Italia il pericolo MDPV, più noto come droga dei Sali da bagno, il cui uso sembra essere alla base di attacchi psicogeni che spingono chi ne fa uso al cannibalismo.

Ne hanno parlato la settimana scorsa durante la trasmissione televisiva Lucignolo, sul canale Italia 1. Purtroppo non si tratta di uno stupefacente già proibito ma di un mix di sostanze  dagli effetti molto simili alla cocaina, ma 50 volte più potente e pericolosa, e che ha azioni simili agli psicofarmaci. Gli effetti psicogeni del Metilenediossipirovalerone, che è uno dei componenti di questa sostanza, possono essere molto gravi. Purtroppo è già diffusa, fra i giovani, l’abitudine ad utilizzarla per studiare, come se pensassero che inibire chimicamente i neurotrasmettitori del proprio cervello, e distruggerne i neuroni, possa portare ad una maggiore sapienza. La diffusione è frenata solo dall’alto costo e dalla difficoltà di trovare il giro di distribuzione.

Nel mondo, specialmente negli Stati Uniti,  vi sono stati diversi casi di cannibalismo sospettati di essere in relazione all’assunzione di questa sostanza stupefacente.  Anche in Italia si è avuto il primo caso nel 2012, in un paesi della provincia di Genova, dove un uomo, proveniente dei paesi dell’est europeo, sotto l’effetto dei Sali da Bagno ha morsicato la sua fidanzata fino a strapparle le labbra.

Secondo le ultime notizie, negli ultimi tempi le forze dell’ordine hanno effettuato diversi sequestri di questa pericolosissima sostanza a Padova, a Bologna e in diverse altre città di sostanze simili ai Sali da bagno, soprattutto all’ interno di alcune comunità di immigrati filippini.

(Fonte foto: screenshot da video di Lucignolo)

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2240 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi