MilanoChiesa RossaStadera

Identificato il colpevole dell’aggressione al giovane disabile in piazzale Abbiategrasso

Lo scorso 23 ottobre un disabile 33enne di nazionalità romena, fu vittima di una allucinante e violenta aggressione. Mihai, che soffre della malattia di Wilson, è stato aggredito prima da un rapinatore che ha tentato di portargli via il telefono cellulare, che per lui è l’ausilio che gli permette di comunicare con gli altri, mentre si trovava all’interno del mezzanino della metropolitana alla stazione di Abbiategrasso sulla linea verde.

Pubblicità

Nonostante l’estrema debolezza fisica causata dalla malattia, Mihai era riuscito a reagire e a impedire che gli portassero via il telefono. Uscito dalla metropolitana era stato però inseguito da altre due rapinatori, probabilmente allertati da quello che si trovava sotto il mezzanino della metropolitana. Mihai aveva corso verso casa, ma i due lo avevano raggiunto prima che potesse entrare nell’androne del portone e lo avevano massacrato di botte per poi portargli via disinfettato il telefono.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Di questa terribile storia aveva parlato il corriere della sera. I carabinieri della compagnia di Porta Magenta per identificare gli aggressori del giovane disabile hanno lavorato parecchio e oggi ci hanno dato l’ottima notizia di essere giunti a un risultato. Un trentenne è stato infatti denunciato e accusato di aver partecipato a quella violenta aggressione. È stato identificato tramite lunghe analisi di immagini di videosorveglianza fornite sia dall’ATM sia dai privati che le hanno installare lungo via Agilulfo.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.