RhoMilano città metropolitana

Mae Europeo. Aveva investito un uomo con l’auto in Germania. Arrestato a Rho

Lo scorso 5 marzo, La polizia di Stato ha eseguito un Mae europeo, un mandato di arresto europeo, emesso dal Tribunale Distrettuale di Francoforte sul Meno nei confronti di un 34enne italiano di origini egiziane, residente a Sesto San Giovanni, che è stato arrestato, in via provvisoria. Secondo quanto ricostruito dalle istituzioni tedesche, lo scorso 26 febbraio il 34enne aveva preso a noleggio un auto e, mentre si trovava nell’area esterna della sala espositiva del centro esposizioni di Francoforte sul Meno, aveva volontariamente investito un uomo.

Pubblicità

L’uomo vittima dell’investimento era stato sollevato dall’auto e sbalzato sul cofano e contro il parabrezza dell’auto. Poi era caduto a terra gravemente ferito e incosciente. Aveva riportato fratture alla colonna vertebrale, contusioni e lesioni al volto. il 34enne era accusato di tentato omicidio e di lesioni personali volontarie aggravate.

Pubblicità

Dopo l’attivazione la parte del servizio per la cooperazione internazionale, Lo SCIP, della direzione centrale della polizia criminale, gli agenti della squadra mobile della Questura di Milano e il personale del gabinetto regionale di polizia scientifica hanno effettuato una serie di indagini e approfondimenti investigativi, coordinati da Servizio Centrale operativo, che hanno consentito alla Polizia di Stato di localizzare la residenza del ricercato a Sesto San Giovanni ed individuarlo mentre stava lavorando all’interno del polo fieristico di Rho.

Pubblicità

È Infatti titolare di una ditta che si occupa dell’allestimento di stand. L’uomo è stato avvicinato dai poliziotti con un espediente mentre il personale della sua ditta stava allestendo degli stand all’interno del polo fieristico di Rho. È stato arrestato e condotto al carcere di San Vittore Dove rimane a disposizione della Corte di Appello

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.