CastelloMilanoPoliticaPrima PaginaSempione

Manifestazione dei sindacati a Milano. Spariscono 900 sindacalisti dopo la partenza del corteo

A Milano la manifestazione dei sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucus Uil organizzata in concomitanza dello sciopero di tutti i settori del terziario (commercio cooperativo e privato, turismo e ristorazione) che ormai da oltre 4 anni non vedono rinnovato il proprio contratto collettivo nazionale ha avuto un epilogo particolare.

Pubblicità

Secondo la questura di Milano i manifestanti che si sono trovati in piazza Castello questa mattina alle 9.30 erano circa un migliaio e, dopo il primi comizi e le interviste dei leader, sono partiti per il corteo. Però fonti della Questura indicano che tra le 11.30 e le 11.45 solo un centinaio di manifestanti hanno raggiunto all’Arco della pace, in Corso Sempione, dove si svolgeva il comizio finale. Alcuni video della stampa nazionale mostrano la realtà del dato.

Pubblicità

Anche se si sa che le stime della questura delle presenze alle manifestazioni sono sempre arrotondate per difetto mentre quelle dei politici che vi partecipano sono generalmente moltiplicate per 10, la vicenda resta sorprendente, specie dopo che Maurizio Landini aveva annunciato la sua presenza al comizio di Milano. Il fatto che così tanti manifestanti abbiano deciso di non presenziare al comizio è legato al mancato gradimento della sua figura di leader?

Pubblicità

Oppure shopping?

Oppure, più semplicemente, i 900 manifestanti mancanti hanno bigiato la manifestazione dopo il suo inizio, disperdendosi fra le strade dello shopping del centro di Milano, per acquistare i regali di Natale prima dell’orario di ripartenza dei pullman? Cosa è meglio, politicamente, per Maurizio Landini? La contestazione consapevole o l’assoluta indifferenza dimostrata dai manifestanti, che potrebbero aver usato il sindacato per scroccare il passaggio e passare una mattinata tra le luci dei negozi di lusso e i mercatini di Natale di piazza Duomo?

Nessun danno

Sono domande lecite perchè la notizia di una defezione cosí numerosa dal corteo ha colto tutti di sorpresa. Di certo, però, in questo modo possiamo sostenere che il comparto del commercio e del turismo di Milano per una volta ringrazia i manifestanti con le bandiere rosse. Invece di dover chiudere le cler per evitare danneggiamenti, si sono trovati una giornata con circa 900 clienti in più.

Pubblicità

Qui in redazione ci limitiamo a registrare questo dato, ma una defezione dai numeri percentuali così alti non può non avere anche un significato politico, che va oltre al naturale imborghesimento della classe operaia, che in realtà probabilmente non esiste nemmeno più. Anche se ci occupiamo poco di politica, cercheremo di capire cosa è successo nel sindacato dalle bandiere rosse, fermo restando che le richieste di alzare gli stipendi, considerato l’enorme aumento dei prezzi al dettaglio degli ultimi mesi è una buona causa, anche se solo per chi ha uno stipendio fisso.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.