CorvettoMilano

Rapina al Piumè. Catturato il rapinatore seriale pluripregiudicato marocchino, con l’aiuto dei profiler (video)

Un’altra rapina, ma adesso dovrebbero essere finite. infatti, lo scorso 19 dicembre i poliziotti della sesta sezione di criminalità diffusa della squadra mobile Milanese stavano effettuando un servizio il maggior sorveglianza lungo Corso Lodi, una zona in cui, negli ultimi tempi, ci sono state diverse rapine a negozi e farmacie. I poliziotti hanno notato uno straniero di circa 30 anni col volto parzialmente coperto da un cappellino e da una mascherina chirurgica, che corrispondeva alla descrizione di un rapinatore seriale, diffusa dai profiler della Questura.

Pubblicità

I falchi lo hanno quindi seguito e poco dopo, lo hanno visto entrare nel supermercato Piumè in corso Lodi. Attraverso le vetrine hanno notato l’uomo aggirare il bancone e, impugnando delle forbici, minacciare le dipendenti. Poi ha afferrato il denaro contenuto nella cassa, 110 euro, intimando ai clienti presenti e alle dipendenti del supermercato di non uscire, perché all’esterno era presente un suo complice che avrebbe loro sparato se facevano una mossa falsa.

Pubblicità

Però, poco prima che lui stesso uscisse dall’esercizio commerciale sono entrati i poliziotti che lo hanno immobilizzato. Si tratta di un marocchino di 36 anni, tossicodipendente, che era stato scarcerato lo scorso ottobre. Si trovava in carcere per scontare una condanna per rapina. Quando lo hanno bloccato aveva ancora nelle mani le forbici. Nonostante i poliziotti poter essere sotto tiro non voleva lasciarla cadere a terra. Ci sono stati alcuni momenti di tensione, ma alla fine il marocchino è stato bloccato, ammanettato e arrestato.

Pubblicità

Il video della rapina con l’intervento dei poliziotti

Tutti i momenti della rapina sono stati ripresi dalla telecamera che è installata nel soffitto del supermercato. Le due dipendenti erano molto spaventate anche perché, quando hanno visto entrare i poliziotti armati, pr un attimo hanno pensato fossero i complici del rapinatore.

Il profilo “Olimpio”

Il rapinatore è stato identificato, permettendone nel resto in flagranza, grazie al lavoro del profiler della squadra mobile che analizzando i dati e le immagini delle numerose rapine avvenute nella zona di via Mecenate percorso e Scalo Romana sin dall’inizio di dicembre anno costruito un profilo comprensivo del modus operandi e della probabile fisionomia e modo di vestire del rapinatore. Hanno poi denominato il profilo come Olimpio.

Pubblicità

Le 5 rapine

Nella zona di via Mecenate dall’inizio del mese di dicembre sono state commesse almeno cinque rapine messe a Segno dallo stesso individuo corrispondente al profilo Olimpio. Si tratta della farmacia Bonomelli, in Piazza Bonomelli, al Corvetto, che è stata rapinata lunedì 4 e lunedì 18 dicembre. Purtroppo questa farmacia spesso vittima di rapine. Un’altra rapina del profilo Olimpio è avvenuta venerdì 15 dicembre della farmacia di Corso Lodi, un’altra ancora il 7 dicembre nella farmacia di Corso di Porta Romana e lo scorso 11 dicembre era stato rapinato lo stesso supermercato Piumè di Corso Lodi. I profili esperti di via Fatebenefratelli stanno analizzando anche altre rapine che potrebbero essere riconducibili al profilo di Olimpio.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.