CasorezzoMilano città metropolitana

Incidente a Casorezzo. Corre, sfonda il muro e colpisce un’auto

Un incidente incredibile questa mattina a Casorezzo. Una BMW guidata da un uomo di 32 anni proveniente da Casorezzo e diretta verso la rotonda di via per Arluno, prima ha centrato in pieno il muro di recinzione di una villetta alla sua destra, abbattendolo, e poi l’auto privata che vi era parcheggiata davanti, distruggendola completamente.

Pubblicità

la scala Rho b&b

È successo questa mattina poco prima dell’alba, poco dopo le 5.15. La chiamata al 112 è arrivata alle 5.36.  Sul posto,  per i soccorsi, è stata inviata un’ambulanza dei Soccorritori Volontari di Arluno, seguita quasi immediatamente dalla radiomobile dei carabinieri della compagnia di Legnano. I militari si sono occupati dei rilievi dell’incidente mentre i soccorritori si occupavano dell’autista che pareva agitato. Nonostante il violento colpo contro il muro laterale e contro l’auto parcheggiata, e lo scoppio degli airbag, ha peró rifiutato il trasporto in ospedale.

Pubblicità

È stato il tipico incidente che può succedere quando un autista giovane ha in mano un’auto troppo potente per le sue capacità e che non ha ancora acquisito nè il senso del pericolo nè quello della velocità, quindi non sa che se ha delle difficoltà a vedere, ad esempio perché abbagliato dai fari di un’altra auto, la cosa migliore è rallentare la corsa fino a fermarsi. È strano che sia successo ad un uomo che ha già 32 anni e che potrebbe avere la patente da almeno 14 anni.

Pubblicità

Infatti, per ottenere i danni che ha procurato su quel rettilineo è necessario andare molto veloci e sterzare all’improvviso, e senza un motivo coerente, verso il muro, cosa che può succedere a quei neopatentati che sono colti dal panico al volante.

Che l’autista fosse agitato e in condizioni tali per cui avrebbe fatto molto meglio a farsi visitare in ospedale, lo testimonia il fatto che ha preso a parolacce il padrone dell’auto che ha distrutto, e che gli serviva per recarsi a lavorare, invece di scusarsi per l’ incidente stradale. Infatti non è difficile definire chi ha colpa: l’auto colpita era ferma e parcheggiata e che anche il muro, che si trova in quella posizione da diversi anni, non si era mosso.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.