MondoIl mensile di Roberto ColomboMagazine

L’insostenibile prezzo della guerra americana per l’egemonia mondiale

Scontro Russia – Ucraina: il conto lo paga l’Europa. Il conflitto in corso dal 20 febbraio 2022 non è tra due parti, Russia e Ucraina, ma tra tre: è l’America la vera protagonista dello scontro, la quale tira palesemente le redini della contesa influenzando in maniera evidente il governo di Kiev. Il tutto è venato di prepotenza perchè l’amministrazione Biden non solo nega l’evidenza di fronte all’opinione pubblica ma addirittura sotto gli occhi del mondo si tira dietro anche l’Europa, coinvolgendola forzatamente nell’accettazione di decisioni che sono prese a Washington e rispondono a equilibri che non coinvolgono il vecchio continente.

Pubblicità

Zelesky: Il giro del mondo coi soldi pubblici

A livello pratico, nei prossimi mesi l’isolazionismo russo sarà sempre meno sostenibile dai governi europei perchè va a danno di chi sta isolando e non di chi viene isolato: l’Europa si sta accorgendo di non poter fare a meno delle materie prime russe e capisce di aver segato il terreno su cui stava seduta, sprofondando su sè stessa.

Pubblicità

Sebbene il blocco delle materie prime russe sia stato sostanzialmente aggirato, è comunque innegabile che sia stato la base dell’aumento dei prezzi al consumo, causando un reale aumento dei prezzi di circa il 20% in un anno. E’ indisponente l’immagine del leader ucraino Volodimir Zelensky: mentre i suoi soldati sono sul fronte a combattere, egli passa da una seduta parlamentare a un talk show, dicendo tutto fuorchè la verità sui reali motivi che sono l’oggetto del conflitto.

Pubblicità

L’Europa serva dell’America

Schierandosi in maniera decisa a favore dell’Ucraina e contro la Russia, l’Europa ha perso la possibilità di avere un proprio ruolo autonomo in politica estera ma è diventata la serva dell’America. Muovendosi a favore dell’Ucraina e contro la Russia c’è stata la reazione di Vladimir Putin, che è stata comunque contenuta; c’è da chiedersi se, nel caso in cui l’Europa si fosse rifiutata di fare la serva dell’America, ci sarebbe stata una reazione da oltreoceano e quale: forse sarebbe stata peggiore di quella russa. E’ quindi possibile dire che l’Europa non è più un soggetto politico libero ma agisce sotto ricatto.

L’autorete delle sanzioni alla Russia

Guerra,Russia,Ucraina,America. L'insostenibile prezzo della guerra americana per l'egemonia mondiale - 01/08/2023

Le sanzioni che l’Europa ha impartito alla Russia sarebbero comiche se non fossero fatte sulla pelle della gente, perchè fanno più male a chi le fa (all’Europa) che a chi le riceve (alla Russia); ad esempio, per quanto riguarda il gas, tutti pensiamo che l’Europa lo acquisti da un terzo committente, il quale però ha acquistato il gas proprio dalla Russia: quindi l’Europa ha fatto quello che ha sempre fatto (ha acquistato il gas russo), ma pagandolo di più perchè si è messo in mezzo un intermediario.

Pubblicità

Tap gym scarica da goolge play

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Roberto Colombo

Roberto Colombo

Opinionista.

Un pensiero su “L’insostenibile prezzo della guerra americana per l’egemonia mondiale

  • Hai avuto il coraggio di dire cose che i vecchi giornalisti italiani consumati non osano perché loro non vogliono rinunciare alle loro laute prebende e preferiscono essere i sacerdoti del verbo dell’anglo sfera.
    Hai descritto i veri meccanismi in cui siamo costretti noi europei

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.