CanavesePiemonteRegioni

Andrea Cane. “Piano straordinario per il settore sanitario pubblico: ottima notizia anche per il Canavese”

La Regione Piemonte ha annunciato un piano straordinario per il settore sanitario pubblico, dopo 15 anni di tagli e blocco delle assunzioni. Lo spiega il vicepresidente della commissione Sanità, il leghista canavese Andrea Cane.

Annunci

“Grazie all’utilizzo corretto delle risorse del Decreto Legge 34 sono stati stanziati 175 milioni di euro aggiuntivi per il sistema sanitario nel corso di quattro anni. Questi fondi concorreranno a creare 2.000 nuovi posti di lavoro entro il 31 dicembre 2024, al netto delle posizioni vacanti e delle stabilizzazioni. Il piano prevede un finanziamento di 25 milioni di euro già nel 2023 e di 50 milioni di euro all’anno per gli anni 2024, 2025 e 2026, grazie al Fondo per lo sviluppo e la coesione. La Regione ha presentato al Governo un piano per destinare 175 milioni di euro al potenziamento della sanità territoriale, all’interno della prossima programmazione 2021-2027 dei fondi FSC.

Annunci

cambiamenti. Social journalism

Ciò consentirà alle aziende sanitarie di destinare ulteriori risorse al personale, finanziando così il piano straordinario di assunzioni. Un’ottima notizia anche per il Canavese che nei prossimi anni avrà assolutamente bisogno di nuovo personale per i tanti ospedali, pronto soccorso e strutture sanitarie in generale: cito fra tutti come esempio Cuorgnè, per il quale mi batto da anni, settimanalmente con una continua interlocuzione con Asl ed assessorato; ma con un profilo basso, sottovoce, senza partecipare alla cosiddetta gara a chi butta più benzina sul fuoco delle polemiche. L’ospedale e il Punto di primo intervento di Cuorgnè hanno infatti bisogno di continua attenzione, che non farò mai mancare per la cittadinanza del territorio di cui io stesso faccio parte”.

Annunci

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.