SenagoMilano città metropolitana

Omicidio di Giulia Tramontano. Il giudice non convalida la premeditazione

Il giudice delle indagini preliminari, una volta esaminati gli atti raccolti dalla procura sull’omicidio di Giulia Tramontano da parte di Alessandro Impignatiello, e dopo l’ultimo interrogatorio in cui ha negato di aver premeditato l’omicidio, ha deciso per una incriminazione per omicidio volontario e non per omicidio premeditato come invece aveva chiesto la procura di Milano.

Pubblicità

Si è trattato di una serie di avvenimenti, quello della conferenza stampa e quello dei seguenti interrogatori di Impignatiello che si sono svolti nel giro di pochissime ore. La notizia è stata data nel tardo pomeriggio dall’agenzia Ansa. La premeditazione è stata esclusa per un motivo temporale. Non è trascorso abbastanza tempo fra l’inizio dell’organizzazione del delitto e il delitto stesso e il sistema di difesa e di alibi messo in atto non dimostrava abbastanza organicità per poter parlare di delitto premeditato. E’ come se il giudice avesse detto, ha fatto le cose troppo di fretta e furia, senza pensarci, per poter configurare una reale premeditazione.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Alle accuse si aggiunge anche l’aggravante dell’aborto senza consenso. E’ una frase scioccante, ma si suppone che sia l’unico modo per accusarlo anche dell’omicidio del figlio non ancora nato, ma che se fosse nato in quel momento avrebbe potuto sopravvivere. La legge non riconosce l”individualità del bambino fino alla nascita, anche se ha già un nome ed è atteso con ansia, ed è quindi impossibile incriminare Impignatiello per infanticidio, anche se è questa forse la parte più sconvolgente di questatragedia.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.