Luce e gas: contratti aziende

Si intensificano i controlli dell’Antitrust per vigilare sui comportamenti dei fornitori di luce e gas e sulla trasparenza delle loro proposte commerciali.

I mutamenti del mercato dell’energia (luce e gas) e i prezzi sempre più alti delle materie prime hanno stravolto l’economia di molte famiglie italiane!
Alcuni clienti hanno visto fallire il loro fornitore senza preavviso, ritrovandosi inaspettatamente inseriti nel mercato di ultima istanza.
Altri clienti sono stati assegnati a un diverso fornitore secondo disposizioni di legge e avvisati solamente a procedure risolte dal Sistema Informativo Integrato.
In questo caos i call center si fanno sempre più agguerriti e insistenti, con comunicazioni e offerte non sempre trasparenti.
La domanda per molte persone è semplice: ‘Cosa posso fare?’
Come intervenire di fronte a questa situazione allarmante per tutelarci??

Le aziende innovative di luce e gas

Finalmente, in questo panorama di forti cambiamenti, ci sono nuovi fornitori di luce e gas che osano sfidare i colossi che da anni hanno monopolizzato il mercato. Hanno saputo sviluppare sistemi commerciali innovativi, un rapporto molto più vicino al cliente, basato sulla correttezza delle comunicazioni, delle offerte, e con la capacità di coinvolgere e garantirne la tutela.
Il risultato sorprendente di questi fornitori di nuova generazione è fare percepire al cliente quanto questi è prezioso per loro, trattandolo con massimo rispetto e trasparenza.
Al contrario si è riscontrato per alcuni dei colossi di sempre una serie di anomalie.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e l’Antitrust effettuano controlli periodici per monitorare l’operato delle aziende fornitrici di luce e gas sul mercato libero.
I fascicoli istruttori avviati nel 2021 dall’AGCM, che si basavano su un’approfondita analisi dei documenti contrattuali e promozionali delle offerte commerciali e delle eventuali segnalazioni da parte dei consumatori, avevano come obiettivo l’accertamento della sussistenza di criticità, di pratiche commerciali scorrette, di pubblicità ingannevoli e di omissione di informazioni essenziali riguardanti alcune componenti e oneri nascosti del prezzo di fornitura.

A seguito delle accurate e approfondite attività d’indagine, mentre i piccoli fornitori dell’innovazione hanno superato brillantemente tutti i controlli degli enti di regolamentazione, tra i big si sono registrate ben tredici istruttorie volte ad obbligarli alla conformità, in alcuni casi con multe molto salate.
Le autorità competenti continueranno a vigilare affinché le società operanti nel settore della fornitura di luce e gas operino indicando nella propria proposta commerciale tutti gli oneri applicati in modo esaustivo, limpido e scrupoloso per agevolare il consumatore finale nella scelta consapevole delle migliori condizioni contrattuali nell’ottica del passaggio definitivo al mercato libero, che avverrà a partire dal 1° Gennaio 2023.

Simone Pini

Simone Pini

Sono un Web Content Editor e Un Web Designer freelance e sono laureato in Comunicazione, Innovazione, Multimedialità presso l'Università degli Studi di Pavia. Ho collaborato con la testata giornalistica Commodity World Weekly e i suoi supplementi Arena Lifestyle Magazine e Heritage & Traditions Magazine e con la Web Agency Sunlight Marketing, lavorando a entusiasmanti progetti che spaziano dalla progettazione di siti web, alla redazione di articoli, all'editing delle pagine web, all'ottimizzazione SEO e al montaggio video. Attualmente ricopro anche il ruolo di Web Editor presso Marketing Italia.

Commenta qui