Guerra in Ucraina: bombardamento alla stazione di Kramatorsk. Un Tweet sputtana la Russia

Il demonio fa le pentole ma non i coperchi, dice il proverbio. Questa mattina alcuni missili Toncha sono caduti sulla stazione ferroviaria di Kramatorsk , da cui gli abitanti di Mariupol stanno fuggendo usando i treni che vanno verso l’Ucraina. Il bilancio del bombardamento è al momento di 50 morti tra cui 5 bambini, oltre ad almeno un centinaio di feriti. Erano tutti civili, specialmente donne ai bambini, che stavano cercando di scappare da quel che rimane di Mariupol.

Pubblicità

Sui social, specialmente su Telegram sta girando una fotografia che mostra una parte di uno dei missili caduti su Kramatorsk. Non si sa chi l’ha scattata ma le fonti hanno già controllato che si tratta della bomba di questa mattina. Ha una scritta, in cirillico, probabilmente Russo che dovrebbe significare, qualcosa di simile a “per i bambini”

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Il governo Russo ha immediatamente respinto l’accusa di aver bombardato la stazione e ha riempito i social delle rimostranze per l’accusa..Secondo loro si tratta di un missile ucraino lanciato dall’esercito per poter accusare i russi della strage.

Purtroppo si sono dimenticati di eliminare tutte le tracce e su Twitter appaiono ancora i lanci delle agenzie di stampa russe che parlano del bombardamento di Kramatorsk, riportando il comunicato stampa del ministero della difesa della Russia, emesso intorno alle 10 di questa mattina ( ora italiana).

Pubblicità
  • kramatorsk. Guerra in Ucraina: bombardamento alla stazione di Kramatorsk. Un Tweet sputtana la Russia - 08/04/2022
  • kramatorsk. Guerra in Ucraina: bombardamento alla stazione di Kramatorsk. Un Tweet sputtana la Russia - 08/04/2022

Nonostante si parli del missile Toncha come un’arma in mano all’esercito ucraino, in realtà all’inizio della guerra ne contava solo circa una 90ina. Nonostante la Russia dica di averli dismessi, nelle scorse settimane sono stati filmati diversi treni che caricavano carri che montavano il lanciarazzi per i Toncka ed erano diretti verso il Donbass.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui