Ripresi i negoziati tra Ucraina e Russia a mezzogiorno. Si sono conclusi ora dopo quasi 5 ore

Guerra Russia e Ucraina. Una notizia arrivata in questi ultimi momenti rispetto ai negoziati che sono ricominciati fra Kiev e Mosca, intese come capitali dei due stati, oggi verso mezzogiorno. Forse si apre uno spiraglio, forse no. Il leader russo Putin avrebbe infatti dato a Macron l’ok a smettere di bombardare i civili e avrebbe detto che i civili stessi sono liberi di lasciare Kiev e che un accordo con l’Ucraina è possibile se l’Ucraina accetta la smilitarizzazione e riconosce la Crimea.

Pubblicità

Villa Carla. Residenza per Anziani

In realtà non si capisce molto bene che cosa significhi. La prima domanda che bisogna farsi è quando Putin ha bombardato i civili: se un esercito bombarda, sceglie gli obiettivi, non le vittime. Chi si trova in zona, finisce sotto. Di fatto la crisi in Ucraina ha visto pochi missili. Dopo il bombardamento degli obiettivi sensibili, cioè depositi di carburante, stazioni ferroviarie e aeroporti, i bombardamenti dall’alto non sono stati numerosi.

Pubblicità

Da quello che si è capito in Ucraina nessuno si considera un “civile”, come distinzione da un militare. Sono stati reclutati tutti i riservisti e distribuite le armi alla popolazione delle città sotto attacco. Chiedere alla gente di andare via da Kiev equivale a dir loro di arrendersi ed abbandonare le loro case per dar la possibilità ai russi di occuparle e di far quello che vogliono. Chi lo farebbe? Se quanto detto corrisponde al vero, non è difficile che la frase sia letta come un ulteriore minaccia, piuttosto che come un tentativo di concludere la guerra.

E’ difficile oggi dire cosa corrisponde al vero e cosa no. E soprattutto è difficile da qui dare la giusta interpretazione alle parole. A proposito di quanto detto durante i negoziati, nello stesso momento in cui arrivavano in redazione le dichiarazioni di Putin a Macron, il presidente francese, all’agenzia di stampa Ansa arrivavo altre notizie. Vero è che “la delegazione russa si era detta pronta a negoziare tutto il tempo necessario, anche se il Cremlino non ha svelato la sua posizione.” Ed anche che “La presidenza ucraina chiede il cessate il fuoco immediato ed il ritiro dei russi”. in questo potrebbe inserirsi la disponibilità di Putin a cessare il fuoco sui civili e la richiesta di lasciar campo libero ai russi a Kiev.

Pubblicità

Villa Carla. Residenza per Anziani

Gli ucraini hanno richiesto la presenza del milionario russo con passaporto anche israeliano Abramovich ai negoziati. Il presidente ucraino, Zelensky, aveva chiesto la mediazione di Israele, in quanto lo stato avrebbe rapporti sia con l’ucraina sia con la Russia. Hanno mandato Abramovich, un russo israeliano che non farebbe parte del governo di Israele. Si potrebbe definire una mediazione nella mediazione. Intanto però la città di Kiev, dove è in atto una guerriglia urbana soprattutto notturna, resiste.

Kiev si appresta a formalizzare la domanda di adesione all’Unione europea

negoziati,ucraina,russia. Ripresi i negoziati tra Ucraina e Russia a mezzogiorno. Si sono conclusi ora dopo quasi 5 ore - 28/02/2022
Foto diffusa alla stampa sulla richiesta di Zelensky di entrare nella UE.
I credits della foto li inseriremo in seguito, non appena capiamo chi la ha scattata e dove.

Questa sembra un’altra bella provocazione alla Russia e poi non si capisce perchè. Fare parte della Nato è una cosa diversa dal far parte dell’unione Europea e ciò che ha fatto scoppiare la guerra è stato proprio il superamento della linea rossa stabilita dal Cremlino, cioè il possibile posizionamento dei missili Nato in Ucraina
Sembra proprio una provocazione in risposta alla richiesta dei russi di mollare Kiev. Borrell, l’alto rappresentante dell’ Unione Europea per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, però, non è d’accordo e risponde che l’adesione non è in agenda. Significa che non coglie la provocazione.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Intanto però, mentre si discute, la Russia ha chiuso il suo spazio aereo ai voli delle compagnie aeree di 36 paesi. Tutti quelli Europei e anche al Canada. E’ normale, come reazione. Dopo l’11 settembre 2001 qualunque cosa voli, è potenzialmente un pericolo. Se vuoi far sul serio, nulla deve passarti sopra la testa.

Conclusa la riunione dei negoziati fra Russia e Ucraina

Ora è giunta in redazione la notizia della conclusione della riunione per i negoziati fra Russia e Ucraina. Sono le 17.38, ora italiana. Si attende di avere il documento che ne faccia il riassunto ufficiale e ci lasci fare delle previsioni su cosa succederà ancora.

Pubblicità
Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui