Guerra Russia e Ucraina. Sono iniziati gli scontri

Guerra Russia Ucraina. Queste sono le notizie della notte. Dalle 2 di notte è’ Impossibile inviare e ricevere sms e telefonare nella zona di Donetsk. il sito internet del ministero degli esteri ucraino è sotto attacco hacker- Da Sigonella, in Sicilia, intorno alle 23 è partito un drone che attualmente sta sorvolando la nuova linea di confine fra la repubblica di Donetsk e l’Ucraina, quella dichiarata da Putin.

Pubblicità

Non è sulla linea di fuoco, dove si combatte. Lo si può vedere perchè ha il trasponder acceso , e anche qua dall’Italia è possibile seguirne la rotta. Alcune notizie dicono che sono iniziati gli scontri diretti intorno alle 23, ma in realtà sono due giorni che si sparano cannonate su tutta la linea.

Pubblicità

Culture digitali

Il drone non si avvicina a Mariupol. Questa cittadina è sotto il controllo delle truppe ucraine, ma è stata indicata come parte della repubblica di Donetsk. Nel resto dell’ Ucraina hanno sistemato dei trattori sulle piste di atterraggio degli aeroporti. Servono per evitare che le piste possano essere usate per l’atterraggio di aerei nemici. E’ più scena che altro. Gli aerei militari del giorno d’oggi non hanno bisogno di grandi piste per atterrare.

Un aereo militare turco è partito a poco dopo mezzanotte, ha fatto sosta a Odessa e ora è diretto a Kiev. Ci sarà a bordo il presidente Erdogan, che tenta una via di pace? E’ notte, i cannoni dei carrarmati e dei mortai ogni tanto tuonano . E’ la guerra che non ci aspettavamo più, quella che abbiamo temuto per tutta la guerra fredda negli anni ’70, e che è arrivata quando la guerra fredda è finita da 30 anni. Russia contro America. E la Russia gioca in casa.

Pubblicità

Ore 4 del mattino. Ad est di Mariupol si spara.

E’ la linea di fuoco, il fronte fra Donetsk e l’Ucraina che si avvicina a Mariupol. Alle 4 circa del mattino arriva la notizia che i carrarmati russi hanno attraversato il confine tra Crimea e Ucraina. I soldati a Mariupol a quest’ora si saranno già ritirati per non trovarsi in mezzo, presa su due lati fra i i carrarmati russi e i le forze filorusse del Donetsk. Lesercitoucraino non può tenere Mariupol. Lo diceva, leggendo fra le righe, il fondatore del battaglione Azov, la milizia popolare ucraina, Andry Bilescky in una intervista rilasciata a Repubblica e pubblicata il 22 febbraio.

“Il problema più grave oggi è capire quali saranno i confini che la Russia riconoscerà: se sono quelli scritti nelle false costituzioni di Donetsk e Lugansk ci sarà un’autostrada per una grande guerra: saranno sotto attacco Mariupol, Avdivka, Kramatorsk…” ,
Quando finirete di combattere?“, “Quando torneremo ai nostri confini. So che in Italia tanti hanno un’opinione diversa, ma questa non è una guerra civile: i separatisti sono una percentuale minima. Il conflitto finirà quando smetterà di esistere il fattore Russia”.

Pubblicità

Commenta qui