PiemonteCronaca LombardiaTorino

Centro vaccinale di Caluso. La solidarietà della Lega Canavese

Caluso, Torino. Le scritte sulla facciata del Chiostro dei Frati Francescani dove ha sede il centro vaccinale anti covid di Caluso, in provincia di Torino, con cui degli sconosciuti hanno insultato e minacciato i medici e gli infermieri che effettuano le vaccinazioni, hanno suscitato lo sdegno di molte persone. La Lega canavese ci ha inviato i commenti dell’onorevole Vigna, e del cons. regionale piemontese Andrea Cane. I due politici si associano nella solidarietà a medici, infermieri e a chi opera nel centro vaccinale.

Pubblicità

Lega Canavese: dal Parlamento alla Regione la solidarietà per il gesto vile e oltraggioso delle scritte minacciose contro i vaccinatori a Caluso. “Leggo con stupore la notizia di scritte no vax, per giunta sgrammaticate, comparse sul muro del centro vaccinale di Caluso. Tutta la mia solidarietà a medici e volontari; a Caluso come in tutto il Canavese il lavoro fatto in questo anno è immenso: grazie per tutto quello che avete fatto, anche per merito vostro i cittadini hanno risposto benissimo” ha commentato l’on. Alessandro Giglio Vigna.

Pubblicità

“Oltraggioso e stupido – ha detto Andrea Cane, vicepresidente leghista della commissione Sanità del Consiglio regionale – il messaggio che minaccia medici e operatori sanitari che, insieme a tanti volontari, permettono performance vaccinali che stanno salvando l’Italia dai danni ben peggiori che stiamo vedendo in altri Paesi. Sono certo che i Carabinieri faranno tutto il possibile per individuare e sanzionare gli autori di un gesto vile e sciocco. Grazie nel frattempo al Sindaco per aver fatto rimuovere rapidamente lo scempio”. Le indagini sono in corso.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.