Milano. 13mila sciarpe taroccate e confiscate vanno ai poveri

“I Finanzieri del Comando Provinciale di Milano, su disposizione del G.I.P. del tribunale milanese, hanno consegnato al Comune di Milano 13mila sciarpe confiscate, da distribuire a persone senza fissa dimora”. Inizia così il comunicato con cui la Guardia di finanza di Milano documenta la consegna, con l’ausilio della protezione civile, al comune di Milano di un lotto di 13mila sciarpe dal marchio contraffatto che erano state confiscate a seguito di un’operazione contro un’organizzazione di aziende che producevano e commercializzavano capi di abbigliamento con marchio falsificato.

Pubblicità

Villa Carla. Residenza per Anziani

Così un bene confiscato, la cui proprietà è quindi stata attribuita allo Stato, invece di marcire nei magazzini potrà avere un’utilità importante. Dopo il sequestro della merce, le indagini si erano concluse con la condanna delle tre persone responsabili e della società coinvolta, e il sequestro è diventato confisca. Con una ordinanza apposita il giudice aveva deciso che i capi di abbigliamento, senza etichette o segni distintivi, fossero ceduti ad associazioni non lucrative e di utilità sociale.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Il comune di Milano ha accettato la donazione, e si è impegnato a curare la distribuzione delle 13mila sciarpe, attraverso le associazioni del terzo settore, ai senza fissa dimora ospiti nei centri cittadini del paino freddo e alle persone senza fissa dimora che rifiutano il ricovero nelle strutture. Nella foto alcuni momenti della consegna.

sciarpe confiscate a Milano e consegnate ai poveri
Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui