VanzaghelloMilano città metropolitana

Il bilancio di 1 anno di Guardia Nazionale a Vanzaghello

Vanzaghello (Mi). È tempo del primo bilancio della Guardia Nazionale a Vanzaghello. E’ infatti da poco passato il primo anno di servizio in convenzione con il Comune dell’ associazione operativa di protezione civile (parte della colonna mobile) riconosciuta per l’ art.28 l.r. 5/16.

Pubblicità

Ne parlo in prima persona per due ragioni. La prima è che sono una dei volontari che prestano servizio nella Guardia Nazionale. La seconda è che ho seguito passo passo tutto il percorso di successi, e anche di difficoltà, della presenza della GN a Vanzaghello (Mi).

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

Nel 2019 sono venuta per la prima volta a Vanzaghello, a vedere la sede in stazione e a fare il primo giro di valutazione. Si parlava già da qualche tempo di Vanzaghello, nella nostra associazione. Il covid non aveva ancora cambiato le nostre vite. Quando però ne parlavo ad amici che fanno parte delle Forze dell’ordine mi mettevano sull’avviso con frasi simili: ” Sta attenta. Non vi conviene. Lì la situazione è dura. Lo è anche per noi professionisti. Sarà un lavoro infame. Gli spacciatori sono troppo insediati”.

Pubblicità

la scala Rho b&b

In effetti il primo giro di Vanzaghello è stato proprio “incoraggiante”. Nel parco di via Piave siamo stati accolti da un signore che era seduto ai tavoli da picnic. Era solo e quando ci ha visti arrivare ci è venuto incontro, poi qualcosa del nostro aspetto, anche se non eravamo in divisa, deve avergli suggerito di desistere. Ha virato ed è andato a sedersi poco distante, sull’erba bagnata.

Nel parco Mariano della Madonna in Campagna ce n’era un altro. Un ragazzo nordafricano era in piedi vicino all’ultima cappella in fondo, con in mano un sacchetto di plastica. Si è animato tutto quando ci ha visto arrivare ma anche in questo caso dopo pochi secondi ha preferito ritirarsi, nascondendosi dietro la cappella.

Pubblicità

In stazione ferroviaria era anche peggio: gli scambi fra droga e denaro erano continui, alla luce del sole, generalmente al pomeriggio e mancava solo che piantassero un banchetto espositivo. C’erano appena stati degli scippi in paese, e dei raid notturni e indistinti di furti. Una bella sfida per la prevenzione.

I locali del bar in Stazione, che sarebbero dovuti diventare la nostra sede operativa, erano un disastro. Da forse 5 anni non ci entrava più nessuno. I Pavimenti erano così sporchi e neri che sembrava di poterci rimanere attaccati, i mobili del bar sembravano belli, ma si sono dimostrati inutilizzabili. Il legno era così marcio che restava in mano. Non c’era il riscaldamento, e nemmeno la luce. Un paio di rubinetti però davano l’acqua.

Il bilancio. In un anno, settembre 2020 settembre 2021, la Guardia Nazionale…

  • ha attrezzato la sede operativa rendendola vivibile e utilizzabile, completamente a sue spese e lavoro.
  • ha allestito l’auto di servizio che serve a due distaccamenti, aiutata da una donazione importanti.
  • contemporaneamente ha disposto e mantenuto con costanza un servizio strategico in Stazione ferroviaria
  • ha organizzato la sorveglianza e gestito la viabilità sulle scuole elementari, medie, e all’asilo parrocchiale, su tutto l’anno scolastico 2020-21
  • ha effettuato l’apertura e soprattutto la chiusura dei parchi alla notte con controllo interno disincentivando la permanenza di spacciatori e chiedendo l’intervento del 112 quando la polizia locale non era presente
  • ha effettuato il controllo giornaliero degli abbandoni di rifiuti in varie aree verdi del Comune
  • ha organizzato servizi di prevenzione ambientale, antivandalismo e contro il disturbo della quiete pubblica mantenendo sotto stretto controllo piazza Pertini e piazza Costituzione, l’ecocentro, il piazzale del cimitero, via Madonna in campagna, il Parco Mariano e la zona industriale.
  • ha garantito la sicurezza a manifestazioni culturali e religiose organizzate dalla collettività
  • ha partecipato alla festa del paese garantendo la sicurezza delle manifestazioni religiose e di quelle civili
  • ha partecipato, mettendosi a disposizione, a 5 interventi dei carabinieri fra cui un furto, un incidente e un arresto per droga
  • ha fornito informazioni utili alle forze dell’ordine, fra cui la polizia locale ovviamente, che hanno permesso loro di intervenire tempestivamente su situazioni che potevano diventare pericolose o illegali
  • ha organizzato 1 corso di Segreteria in emergenza per la protezione civile aperto a tutte le associazioni e gruppi comunali:
  • ha organizzato 1 corso per caposquadra di protezione civile aperto a tutte le associazioni e gruppi comunali:
  • ha organizzato un corso di 3 mesi, con 2 lezioni alla settimana, di autodifesa per la donna
  • a metà ottobre 2021 inizierà il secondo corso di autodifesa per la donna
  • ha organizzato 2 corsi base, pratico-legislativi, di un mese per nuovi volontari della Guardia Nazionale
  • ha effettuato anche durante di lockdown il servizio ambientale due volte al giorno, in orari differenti per individuare abbandoni di rifiuti.
  • ha organizzato diverse esercitazioni di protezione civile, in montagna e in pianura e partecipato a diversi servizi in cui i volontari hanno acquisito esperienza.
  • ha amministrato e verbalizzato ogni attività, organizzato turni, effettuato la manutenzione ( e la pulizia) della sede operativa, installato un sistema di comunicazioni radio e fatto anche tante altre cose (fra cui anche dipingere muri, fare trattamenti antimuffa e piantare fiori) che non cito singolarmente perchè diventano troppi.

Dopo un anno non vedo più spacciatori liberi di girare in stazione, nei boschi e nei parchi. Mi pare che gli abbandoni di rifiuti siano diminuiti drasticamente e che si sia diffusa una maggior consapevolezza del codice della strada e del significato delle sue regole. Lo vedo solo io?

Per me è un successo, ma penso si possa migliorare ancora il prossimo anno. Naturalmente con l’aiuto e la partecipazione della gente di Vanzaghello che se la sente di affrontare il percorso che proponiamo, che non è facile, ma nemmeno impossibile.

Si cominicia

  • bilancio,guardia nazionale,vanzaghello. Il bilancio di 1 anno di Guardia Nazionale a Vanzaghello - 04/10/2021
  • bilancio,guardia nazionale,vanzaghello. Il bilancio di 1 anno di Guardia Nazionale a Vanzaghello - 04/10/2021
  • bilancio,guardia nazionale,vanzaghello. Il bilancio di 1 anno di Guardia Nazionale a Vanzaghello - 04/10/2021
  • bilancio,guardia nazionale,vanzaghello. Il bilancio di 1 anno di Guardia Nazionale a Vanzaghello - 04/10/2021
  • bilancio,guardia nazionale,vanzaghello. Il bilancio di 1 anno di Guardia Nazionale a Vanzaghello - 04/10/2021

Durante il primo lockdown eravamo impegnati nei servizi dell’emergenza sanitaria, ma con l’estate 2020 abbiamo iniziato a mettere mano alla sede operativa di Vanzaghello. Intanto si è pensato a come far capire chi siamo e che avremmo creato qualche problema a chi credeva di non averne nel delinquere. Ci abbiamo messo tutte le vacanze estive per rendere accettabilmente vivibili i locali.

Oggi, ottobre 2021 non si possono ancora definire finiti, ma sono comodi, puliti, ben attrezzati e utili. Intanto tra i binari e la biglietteria lo spaccio di droga è diventato subito più discreto fino a sparire. C’è gente in divisa sempre presente in Stazione e i delinquenti esperti hanno presto compreso che era meglio non correre rischi. Ora diradano le visite e scelgono di scendere in altre stazioni ferroviarie. La notizia dell’arrivo della Guardia Nazionale a Vanzaghello è girata molto velocemente. Il 4 settembre 2020 firmammo la prima convenzione, ed è in quel momento che è iniziato il nostro lavoro.

Parchi, scuole, sorveglianza e tanta educazione civica

Il progetto sulla prevenzione nella sicurezza in un paese non semplice. Non sono molte le associazioni di volontariato che hanno le caratteristiche della Guardia Nazionale. Si contano sulle dita di una mano. I volontari che ne fanno parte devono seguire un programma di formazione piuttosto intenso e lungo e non tutti i volontari che entrano nella Guardia riescono a portarlo a termine prima di essere liberati dal servizio. Ci vogliono, insomma, anni. E’ un bell’investimento di tempo, ma è anche entusiasmante, altamente formativo e divertente.

Vanno formati i volontari, va spiegato cos’è e come si comporta la Guardia Nazionale. Vanno spiegate le leggi in vigore e il perchè è necessario indossare le divise e i DPI durante i servizi. Vanno trovate le persone giuste, che abbiano voglia di fare un percorso formativo lungo, alle volte difficile, in un ambito delicatissimo in cui non va bene sentirsi rambo, perchè non siamo rambo, e non va bene essere dei timidoni, dove non ci si può lasciar intimidire, ma in cui bisogna far attenzione a non intimidire.

I confini di azione sono stretti. Rispettano la legge in ogni suo aspetto, e bisogna averli sempre ben presenti. Bisogna decidere alla svelta, in campo, di quale caso si tratta e fino a che punto si può agire. Capire quando chiamare il Nue 112, quando ritirarsi e che durante una emergenza il tempo non conta. Non si va via fino a che non è finita o fino a che un pubblico ufficiale o un superiore non ci libera dal servizio.

Non siamo nonni civici

Senza togliere nulla alla figura del nonno civico, noi non siamo nonni civici. Chi sceglie di fare il volontario della Guardia Nazionale sa che operativamente ha un sistema gerarchico in cui chi ha le insegne di qualifica più alte decide e comanda. Sono insegne che si conquistano sul campo, nel vero senso della parola, legate all’esperienza che ogni volontario matura negli anni. Non ci si fida di stellette o barrette, ci si fida dell’esperienza che quelle barrette o stellette testimoniano.

Non è un corpo militare, ma è comunque una odv (organizzazione di volontariato) di persone organizzate e formate, che sanno che certi risultati non si raggiungono in un giorno e nemmeno in un anno, ma solo con tanta costanza, pazienza e duro lavoro. Non tutti i volontari completano il percorso formativo. Per chi continua ci sono grandi soddisfazioni. Chi decide di smettere dopo un aver provato, qualunque sia il motivo o il tempo, porta con sè l’esperienza forte del senso civico che si spera si diffonda ampiamente nella società.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.