Decaduta all’Asm di Magenta anche l’avvocato Lanticina: che succede?

Solo qualche giorno fa parlavamo dell’Azienda Asm in merito all’agitazione dovuta alla mancata assunzione di 8 lavoratori. questione per la quale l’Azienda aveva indicato la propria versione dei fatti dichiarandosi impossibilitata all’assunzione dovuta alla tipologia e natura del contratto firmato dai lavoratori in questione. Ora l’attenzione si sposta sul decadimento dell’avvocato Elisabetta Lanticina per un contenzioso aperto con la stessa ASM.

La motivazione

Nel comunicato stampa che riportiamo si cita l’articolo 19 comma 4 dello Statuto di Asm. Abbiamo telefonato all’Asm di Magenta per capire qualcosa di più e loro ci hanno risposto che “è tutto indicato nello Statuto dell’azieda, che lo Statuto è pubblico e consultabile. Riportiamo quindi l’articolo 19 comma 4: “ART. 19)

Dimensione, Durata in carica e incompatibilità

Fermo restando ogni altro impedimento ai sensi delle leggi speciali e ordinarie, non possono ricoprire cariche di amministratore, o di direttore generale (di cui al successivo art. 24), ovvero cariche che comportino funzioni equivalenti, coloro che:

a) si trovino nelle situazioni previste dall’art. 2382 CC ovvero in quelle di incandidabilità, ineleggibilità e incompatibilità stabilite dal D.Lgs n. 267/00 per il sindaco e i consiglieri comunali;
b) abbiano svolto le funzioni di amministrazione, direzione o controllo in enti successivamente sottoposti a procedure concorsuali nei due esercizi precedenti all’assoggettamento alle procedure; il divieto avrà durata di tre anni dalla data di assoggettamento alle procedure;
c) siano in lite con la Società o siano titolari, soci illimitatamente responsabili, amministratori, dipendenti con poteri di rappresentanza o di coordinamento di imprese esercenti attività concorrenti o comunque connesse con i servizi affidati alla Società;
d) siano amministratori di Enti locali che siano soci della Società”.

Effettivamente si cita l’articolo e la motivazione “lite” ma non dice il motovo di tale contenzioso. Ci siamo quindi rivolti direttamente all’avvocato Lanticina e siamo in attesa del comunicato che lo stesso avvocato Lanticina ci invierà nel pomeriggio per avere un quadro più chiaro della faccenda. Abbiamo anche cercato di contattare (putroppo al momento senza successo) l’avvocato Andrea Zanardi, attuale amministratore delegato di Asm

Giro di nomine

Nel giro di pochi mesi, si è assistito all’Asm di Magenta alle dimissioni di diversi soggetti attivi.  Il Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Speciale Multiservizi, che si era insediato il 19 luglio 202, ha perso infatti Mario Garbini ( che ha rinunciato per motivi personali) ma anche l’1 febbraio 2021 Donatella Colombo e Mariarosa Cuciniello, entrambe, a quanto pare, per divergenze di vedute sulla gestione dell’azienda e sulle line guida operative stabilite proprio dall’allora presidente avvocato Elisabetta Lanticina.

Riceviamo e pubblichiamo

“Il Consiglio di Amministrazione di ASM, che si è riunito lunedì 21 giugno, ha dichiarato decaduta dalla carica di Presidentel’avvocato Elisabetta Lanticina. La decisione è stata presa ai sensi dell’articolo 19, comma 4, dello Statuto di ASM che, alla lettera C, recita testualmente “non possono ricoprire cariche di amministratore, coloro che siano in lite con la Società”.

In considerazione del fatto che, lo scorso 7 giugno, l’avvocato Lanticina ha notificato ad ASM un atto formale di citazione, la Presidente si è trovata nella condizione esplicitamente prevista dallo Statuto e il Consiglio di amministrazione ne ha preso atto, deliberandola decadenza dalla carica di consigliere di amministrazione e, conseguentemente, di Presidente.

Culture digitali

“La piena operatività di ASM – ha dichiarato l’avvocato Andrea Zanardi, amministratore delegato e vicepresidente dell’Azienda Partecipata – rimane garantita e la struttura operativa sta lavorando al servizio dei cittadini con la competenza e la passione di sempre”. Il 30 giugno prossimo si riunirà l’Assemblea dei Comuni soci di ASM per le decisioni conseguenti alla decadenza dell’avvocato Elisabetta Lanticina.

Cristina Garavaglia 1155 Articoli
Giornalista

1 Commento

  1. Ciò che rileva, in questa vertenza, sono i motivi che hanno indotto l’avv. Lanticina ad agire in giudizio contro ASM.
    Se l’azione giudiziaria trae origine da gravi inadempienze della società, l’avv. Lanticina avrebbe diritto al risarcimento dei danni e, se lo ha chiesto al giudice, alla reintegrazione nella carica.
    In ogni caso, poiché ASM non solo non serve a nulla.
    Di regola, opera da intermediario, per i lavoretti che Magenta ed i piccoli comuni le assegnano, come manutenzione del verde, servizi cimiteriali, sgombro neve, gestione impianti di riscaldamento pubblici.
    Come intermediaria, preme al ribasso sui compensi spettanti a chi, effettivamente, esegue i lavori.
    A volte, come da cronaca di questi giorni, ne mette a rischio i posti di lavoro.
    Per i comuni di S. Stefano, Robecco ed ora, anche per ASM Sedriano, ASM svolge i servizi di igiene ambientale.
    Solo che, nel 1011 il ramo d’azienda di igiene ambientale di ASM con il relativo ramo d’azienda di AMGA di Legnano, hanno costituito AEMME Ambiente avente, appunto, lo stesso scopo.
    Così, per questi tre comuni, ASM esercita, in concorrenza con la sua partecipata AEMME, una attività che le ha ceduto.
    Da notare che ASM nomina di AEMME il vice presidente.
    Il fatturato di ASM, per eseguire i lavori assegnatile “in house”, è di circa € 3.000.000,00, Per produrlo, ASM blocca liquidità per oltre € 5.750.000,00.
    Magenta immobilizza oltre €10.000.000,00.
    Il capitale di ASM sale a circa € 17.000.000,00 con i fondi degli altri comuni.
    Si tratta di fondi che, meglio potrebbero essere usati nell’interesse della comunità.
    ASM divenga una società di mera gestione delle partecipate, AEMME Ambiente e AEMME distribuzione a cui ASM ha ceduto il ramo gestione del gas.

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.