MilanoMilano città metropolitanaQuarto Oggiaro

Fumare hashish che sta nelle mutande dà piú soddisfazione?


Milano. 24 anni, italiano, fermato dalla polizia di Stato lunedì 16 novembre in via Lopez, a Quarto Oggiaro, e trovato con in tasca 2 grammi di hashish. Perquisito in commissariato, gliene sono stati trovati altri 5 grammi infilati nelle mutande. A casa, nella sua abitazione, ne nascondeva altri 30 grammi.

Pubblicità

Il 24enne ha precedenti specifici e per reati contro il patrimonio. il classico drogato che per procurarsi la dose ruba e spaccia. Arrestato per possesso di stupefacenti ai fini di spaccio è stato giudicato per direttissima e posto agli arresti domiciliari. Servirà a recuperarlo alla vita normale? Non si sa, però perlomeno servirà a dargli meno possibilità di rovinarsela.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Nelle mutande, o nei calzini, per autodegradarsi?

È una domanda che mi rivolgo spesso ma di cui personalmente non cercherò risposta. Continuo a chiedermi come sia possibile che ci sia qualcuno che trovi accettabile fumare e metter in bocca qualcosa che è stato nelle mutande di un’altra persona. Ho pensato persino che abbia un significato particolare, che ci sia chi si sente soddisfatto nel degradarsi fino a quel punto, che chi fuma hashish proveniente dalle mutande di un drogato vogli in realtà autopunirsi per al sua dipendenza o per aver fallito nella vita.

Pubblicità

Non lo so. So però che uno dei nascondiglio preferiti degli spacciatori sono le loro mutande, seguiti a ruota dai calzini. Di certo però non sarà il Covid 19 ad uccidere questi drogati, posso suporre che saranno tutte le alte malattie che si nutrono della mancanza delle regole basilari dell’igiene.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.