MilanoPrima Pagina

Quando l’ arrestata per atti persecutori è lei…

Milano. 40 telefonate al giorno, persecuzioni sul web, poi ancora telefonate da utenze sconosciute. Infine lettere minatorie sul posto di lavoro, una aggressione e l’incendio dell’auto. La colpevole è una 32enne italiana che non ha accettato al fine di una relazione sentimentale.

Pubblicità

Questa mattina gli agenti del commissariato di Quarto Oggiaro le hanno notificato gli arresti domiciliari ordinati dai giudici dopo che una rapidissima indagine ha messo in evidenza una escalation di episodi preoccupanti avvenuti nell’ultimo periodo ai danni di un uomo con cui ha avuto una relazione dal 2017 al luglio del 2018.

Pubblicità

Atti persecutori: vittima e carnefice

Proteggere l’identità della vittima è importante, specialmente in questo caso particolare, in cui il genere sessuale di vittima e persecutore è invertito rispetto al consueto. Che il persecutore sia una donna non è comune e il rischio di attirare troppo l’attenzione e non riuscire quindi a riprendere la propria vita normale dopo l’intervento delle autorità è più alto. Non è stato, quindi, reso noto nessun riferimento ai luoghi in cui sono avvenuti alcuni degli atti.

Pubblicità

La donna però chiamava il suo ex anche 40 volte al giorno e inviava messaggi minacciando il suicidio. A nulla è valso bloccare il numero e i profili social. Lei continuava a chiamare, usando utenze anonime. Ha continuato così per un intero anno. Poi, negli ultimi 20 giorni, ha aumentato la sua attività, spingendosi a tentare di entrare in casa dell’uomo e ad aggredirlo. Gli ha inviato lettere minatorie, anche sul luogo di lavoro, e infine a dar fuoco alla sua automobile. A questo punto lo stop lo hanno dato le forze dell’ordine, con gli arresti domiciliari della donna.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.