L’arcivescovo Delpini riceve donazioni a Cerello. Rosari e fazzoletti benedetti per bambini e anziani

A nome del parroco di Cerello con Battuello don Paolo Vignola, del Consiglio pastorale parrocchiale, del consiglio Affari Economici e di tutta la parrocchia, a sua eccellenza l’arcivescovo Mario Delpini è stata consegnata una busta con il contributo raccolto dai fedeli a favore delle persone in difficoltà del territorio.

Pubblicità

Creatilab

Con don Paolo Vignola, il debito della parrocchia si è ridotto considerevolmente e questo grazie anche al contributo di benefattori.
La consegna è stata fatta durante le celebrazioni nell’ora sesta avvenute dalle 13.30 di giovedì 25 aprile nella parrocchia di San Vincenzo martire a Cerello di Corbetta. 

Pubblicità

Culture digitali

. L'arcivescovo Delpini riceve donazioni a Cerello. Rosari e fazzoletti benedetti per bambini e anziani - 25/04/2019

L’invito è stato fatto dal parroco don Paolo e raccolto dal prelato che ha ringraziato per l’incontro, ha benedetto i rosari consegnati ai bambini che il prossimo 1°maggio riceveranno la prima Comunione ma anche i fazzoletti bianchi che sono stati consegnati agli anziani. 

L’arcivescovo Mario Delpini si è poi intrattenuto con il consiglio pastorale e con i rappresentanti dell’amministrazione comunale. In fascia tricolore l’assessore Chiara Lavazza.L’ultima visita del vescovo dell’arcidiocesi risale agli anni Novanta con l’allora monsignor Carlo Maria Martini che esortava all’impegno comunitario. L’invito è stato raccolto in modo proficuo. 

Pubblicità

La supplica

. L'arcivescovo Delpini riceve donazioni a Cerello. Rosari e fazzoletti benedetti per bambini e anziani - 25/04/2019

L’arcivescovo Mario Delpini si è infine trasferito al santuario della Madonna dei miracoli di Corbetta per la supplica delle 15. Tantissimi i fedeli e immancabili i malori dovuti alla ressa, come quello che ha colpito un’anziana signora. Per rispetto della persona, abbiamo preferito non pubblicare la foto dell’accaduto (in nostro possesso).

Si ringraziano a nome di tutti la Protezione civile e la Polizia locale, sempre presenti per assicurare la sicurezza a discapito della possibilità di vivere in prima persona la festa, nonché i sanitari della Croce Bianca intervenuti in maniera tempestiva.

Pubblicità

Cristina Garavaglia

Cristina Garavaglia

Giornalista

Commenta qui