Storia e Cultura

Marina Roma. Marcallo con Casone nel segno della continuità

Marcallo con Casone – Quando si sceglie la continuità è perchè tutti sono soddisfatti. Marina Roma candidato sindaco per la Lega nel segno della continuità della buona amministrazione.

Pubblicità

Si avvicinano le elezioni amministrative oltre a quelle europee. Saranno il prossimo 26 maggio. E’ ora quindi di analizzare e raccontare, per quello che posso, ciò che accade nei paesi dell’altomilanese. Lascerò Ossona per ultima, e inizio da quello che, dal 1999, è uno degli orgogli della Lega: Marcallo con Casone. Un successo marchiato Lega, ma non solo. Il marchio della buona amministrazione è del movimento, ma soprattutto è delle persone che, nel susseguirsi degli ultimi venti anni, ci sono sempre state, ci hanno messo la faccia, la passione, e la voglia di fare bene per il paese. Una abnegazione che è sempre stata riconosciuta dai cittadini e i cui risultati si sono visti nel tempo. Marcallo con Casone è infatti un paese grazioso, ben tenuto, con tasse a livello umano e con tantissime iniziative culturali. E’ un paese in cui la lotta politica è inutile. Qui infatti governa la Lega da 20 anni in monocolore, ma non è solo questo. Ci sono state tornate elettorali in cui la Lega prendeva il 40% alle elezioni europee e il 66% alle elezioni amministrative.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Non è un risultato strano

Il riconoscimento e la fiducia che i marcallesi hanno riposto nelle squadre di leghisti che si sono avvicendate negli anni alla guida del Comune è sempre stato tale che sono votate anche da chi non si riconosce nel movimento di Salvini.

Pubblicità

Marina Roma dopo Massimo Olivares

3 sindaci. Massimo Garavaglia, poi Massimo Olivares, quindi ora Marina Roma. Un sindaco può, per legge, fare solo due mandati. A Marcallo non ha una grande importanza perchè sindaci, assessori, consiglieri, e militanti sono tutte persone che hanno sempre lavorato fianco a fianco. Una volta servendo ai tavoli alle feste e la sera dopo firmando gli atti da assessore o da sindaco.
“Dopo vent’anni in prima linea, prima come vicesindaco poi come sindaco, è arrivato il momento di lasciare il posto ad altri. Lo faccio serenamente ritenendo di consegnare le chiavi a chi saprà continuare il lavoro con lo stesso entusiasmo ed attaccamento al paese che ci ha contraddistinto in questi anni” dice infatti Massimo Olivares, il sindaco uscente. “Non sparirò certo dallo scenario della politica locale, ho dato piena disponibilità alla nuova squadra quindi adesso, oltre a chiudere gli ultimi mesi del mandato, penso alla campagna elettorale.”

Poi continua Marina Roma. “questa scelta risulta quasi naturale in un paese con la nostra storia, scritta con la testa, il cuore e l’entusiasmo di alcuni giovani che nel lontano 1991 hanno fondato la sezione e si sono affacciati, completamente inesperti, alla vita amministrativa del paese, e io ero una di quelli. Sono onorata di averne fatto parte e di essere stata scelta oggi per proseguire questo percorso. Questa consapevolezza mi ha portato a scegliere di costruire una nuova squadra che però avesse una importante componente del vecchio gruppo, quindi vedremo facce nuove accanto a militanti storici della sezione.
Non nego di iniziare con quella ovvia preoccupazione di chi si assume nuove responsabilità: succedere ad un grande sindaco non è certo facile, spero di esserne all’altezza sollevata dal fatto di saperlo vicino e al nostro fianco in questo nuovo capitolo della storia leghista e amministrativa del nostro paese”.

Pubblicità

Tap gym scarica da goolge play

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.