Prima PaginaCronaca Lombardia

Gli sparano diversi colpi in un agguato. È grave

Basiglio – Un uomo oggi è stato ferito gravemente da diversi colpi di arma da fuoco in una cascina in ristrutturazione. Si tratta di Giuseppe G. Ora è all’ospedale Humanitas, in condizioni disperate.

Pubblicità

Secondo il racconto del testimone, un operaio della ditta di ristrutturazioni, intorno alle 7.30 di questa mattina era al telefono con il suo titolare che stava arrivando alla Cascina di via Vione. L’operaio si trovava all’interno del deposito delle attrezzature dell’azienda. Quando è stato davanti al cancello del deposito, Giuseppe G. ha chiuso la telefonata. “Scendo ad aprire il cancello”, ha detto. Non ha fatto in tempo. Sono state le sue ultime parole.

Pubblicità

la scala Rho b&b

L’operaio ha sentito quindi alcuni colpi di arma da fuoco, ma non ha avuto sospetti. Ha pensato a dei colpi sparati da dei cacciatori, frequenti nella zona. Poi, però, il tempo passava e il Giuseppe G. non entrava del deposito. Ha guardato fuori e lo ha visto riverso sul sedile dell’auto, con il viso insanguinato. Ha chiamato i soccorsi.

Pubblicità

All’arrivo dei 118 le condizioni del ferito sono apparse subito gravissime ed è stato portato all’ospedale Humanitas di Rozzano. Dalle prime notizie sembra abbia poche probabilità di soppravvivere. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Milano che, insieme alla compagnia di Abbiategrasso, stanno compiendo i primi rilievi scientifici e cercando il colpevole e il movente del delitto nella vita dell’uomo.

Giuseppe G. è padre di due figlie. Nel suo passato solo alcuni precedenti per aver comprato, all’inizio degli anni 90, delle sigarette di contrabbando. Nonostante l’agguato in stile mafioso, nulla al momento fa pensare a regolamenti di conti in ambiti malavitosi.


Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.