39 ragazzini distruggono 2 treni. I danni li pagheranno i genitori

Milano. Da alcune settimane un gruppo di una quarantina di ragazzini si era resa protagonista di episodi di vandalismo ai treni.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Infine Polmetro ne ha identificati 39 fra i 14 e i 17 anni, attraverso i filmati girati mentre distruggevano due treni della metropolitana e le installazioni della stazione della linea verde di Porta Genova, durante il periodo delle feste di Natale. Il primo episodio è avvenuto lo scorso 24 dicembre. Mentre attendevano l’ultimo treno verso Vimodrone, hanno iniziato a distruggere un armadio sotto gli occhi allibiti degli altri passeggeri. Poi si sono impossessati di un estintore.

Pubblicità

Alcuni di loro, aspettando il treno, hanno diverse volte attraversato i binari. Saliti sull’ultimo treno hanno iniziato a spaccare i vetri, i sedili e le porte, al punto che alla fermata della stazione Centrale il treno si è fermato e ha dovuto essere sostituito. La circolazione è rimasta sospesa per 70 minuti. Una volta nuovamente a bordo del treno seguente i 39 ragazzini hanno ricominciato i vandalismi e hanno distrutto anche il secondo treno. Sono scesi alla fermata di Vimodrone. Dopo si sono dispersi.

Un altro episodio la sera del 7 gennaio. Hanno danneggiato gravemente 2 vagoni, le banchine ed interrotto più volte il servizio. Le indagini della Polmetro, gruppo appartenente alla questura di Milano, hanno permesso di identificare tutti i ragazzini. 4 minorenni e l’unico maggiorenne del gruppo sono stati denunciati alla procura della Repubblica. I genitori degli altri, in varie misure e secondo le responsabilità personali, saranno chiamati a risarcire i danni, che consistono in parecchie migliaia di euro. I genitori non pare siano ancora al corrente delle denunce. Atm ha ringraziato la questura, e il gruppo di Polmetro, per aver messo in campo le proprie forze di sicurezza che hanno lavorato in sinergia con la security di Atm.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui