Prima PaginaOssona

Il compagno di Simona Forilli si chiude nel mutismo dopo l’arresto

Parabiago – Arrestato Zahir Sadigue compagno di Simona Forelli uccisa a coltellate ieri sera. Dopo essersi costituito la sera stessa alla stazione dei carabinieri di Parabiago, si è chiuso in un completo mutismo.

Pubblicità

CarabinieriQuella di Simona Forilli, 33 anni e residente a di Parabiago,  e di Zahir Sadigue, 34enne pakistano,  è una tragedia dalle mille sfaccettature, in cui si può intuire la disperazione crescente, che ha portato all’atto di inaudita violenza.  Poco dopo le 18.10 di ieri la donna è stata trovata agonizzante dalla madre. Era stesa nel bagno del suo appartamento in via Santini 25. Il suo compagno e padre dei suoi due figli l’aveva colpita con tre coltellate, inferte con un coltello da cucina al culmine di una lite familiare, e poi se ne era andato. Tutto mentre i  loro due piccolissimi bambini, di 17 e di 4 mesi e mezzo, erano in casa. I soccorsi sono stati inutili.
Simona Forilli è morta in ospedale poco dopo il ricovero. Sin dal primo momento i carabinieri della compagnia di Legnano hanno  cercato Zahir Sadigue, che era chiaramente coinvolto nella vicenda e che non si trovava nell’appartamento né nelle sue vicinanze.

Pubblicità

Lui, però, dopo essere fuggito e aver girovagato per Parabiago per qualche decina di minuti, si era diretto alla stazione dei carabinieri di Parabiago e, alle 19.15, si è costituito dicendo di aver ferito la moglie. Non sapeva ancora della sua morte. I due bambini sono stati affidati ad un parente della madre, che ne avrà cura in questo difficilissimo momento.

Pubblicità

Tensioni e litigi

La coppia aveva vissuto alcuni anni in Inghilterra, dove erano nati i due bambini. Da qualche tempo avevano deciso di vivere in in italia, a Parabiago, dove risiede la famiglia di Simona. Lui non ha trovato sbocchi lavorativi,se non la distribuzione  di volantini, un lavoro che non permette certo di portare a casa uno stipendio adatto a mantenere da solo, e in modo dignitoso, una famiglia. Simona invece non lavorava, faceva la casalinga. Non è difficile immaginare le tensioni crescenti della situazione, l’adattarsi ad un posto nuovo, la difficoltà di sbarcare il lunario e le frequenti liti. I vicini di casa hanno infatti riferito di averli sentiti litigare spesso. Simona aveva espresso l’intenzione di lasciare Zahir. Forse l’ultima lite con al compagna è stata per questo motivo.

In silenzio

Non lo sapremo facilmente. Zahir Sadigue è stato fermato subito dopo che si è costituito e si è proceduto all’arresto. Questa notte, quando il Pm ha chiesto di interrogarlo, si aspettava di registrare una confessione. Invece il pakistano dopo la prima ammissione, si è chiuso nel più assoluto mutismo. Ora è in carcere a Busto Arsizio.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.