Catalogna. Repressione inacettabile, ritirare i diplomatici

catalogna sindacaE’ inaccettabile la repressione che la Catalogna sta subendo dal Governo spagnolo: oltre 700 sindaci indagati, sequestri di materiale referendario, potenziamento delle forze di polizia nella regione e adesso anche l’arresto di 12 persone, fra le quali Josep Jovè il segretario generale del ministero delle finanze e braccio destro del vicepresidente catalano Oriol Junqueras”. Così in una nota il vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia Fabrizio Cecchetti, della Lega Nord.
I catalani sono in pratica occupati militarmente dalla Spagna come se la loro terra fosse una colonia e tutto perché chiedono di poter votare un referendum sull’indipendenza il prossimo 1 ottobre.

Pubblicità

Questa situazione è intollerabile e sta avvenendo nel cuore dell’Europa e all’interno di uno stato membro dell’Ue che ha posto tra i suoi valori fondanti lo sviluppo della democrazia, il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Il governo Gentiloni ritiri subito come forma di protesta l’ambasciatore e i consoli italiani dalla Spagna e si muova immediatamente con le istituzioni europee affinché si possa giungere a una soluzione pacifica che garantisca il voto libero e democratico del popolo e tuteli i cittadini catalani da azioni di repressione da parte del governo spagnolo.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Fabrizio Cecchetti

Fabrizio Cecchetti

Sono nato il 3 dicembre 1977 a Rho (MI) e sono stato consigliere comunale a Rho della Lega Nord dal 1998. Conduttore di RPL, ho collaborato con la rivista Angeli Press, pubblicazione del terzo settore e del volontariato sociale. Rieletto consigliere regionale nel 2013, ho ricoperto la carica di Vice Presidente del Consiglio regionale della Lombardia. Eletto deputato nel 2018 sono vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera.

Commenta qui