Prima PaginaDuomoMilanoMilano città metropolitana

Evacuata l’anagrafe di Milano. Il fratello dell’omicida del tribunale vuol buttarsi dalla finestra

Poco dopo le 13, 30 di oggi un uomo è entrato nella sala di attesa della sede centrale dell’ufficio anagrafe in Via Larga, a Milano. Armato di un taglierino, ha iniziato a minacciare prima i presenti nella sala d’aspetto e poi i dipendenti comunali.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Intanto che arrivavano i soccorsi, l’uomo è salito al quarto piano dell’edificio. Si è arrampicato su una finestra e. sporgendosi all’esterno, ha minacciato di buttarsi. Per precauzione gli uffici dell’anagrafe sono stati evacuati. La situazione è stata affrontata dagli agenti della polizia locale della stazione di via Beccaria supportati da ambulanze del 118, dalle forze dell’ordine e dai vigili del fuoco, sul posto con un’autoscala.

Pubblicità

Fratello dell’omicida del tribunale di Milano

Fino a quel momento le generalità dell’uomo erano sconosciute. Solo in un secondo momento si è scoperto che si trattava di Gerardo Giardiello, di 57 anni, fratello di Claudio Giardello, colpevole della strage del tribunale di Milano, del 9 aprile 2015, per cui sta scontando l’ergastolo. Giardiello, mentre si trovava ancora sul cornicione ha chiesto di parlare con l’assessore alla sicurezza del comune di Milano, Carmela Rozza.

Pubblicità

Dopo il colloquio ha deciso di scendere e arrendersi. L’allarme è quindi rientrato intorno alle 14,30 e Giardiello è stato portato, in codice giallo, all’ospedale Policlinico, in stato confusionale. Da quanto si è saputo intendeva protestare perchè era stata tolta la luce elettrica nell’appartamento dell’Aler che occupa abusivamente.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.